16:19 22 Novembre 2019
Il leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo

Grillo tende una mano al PD: abbiamo un mondo da ripensare

© AFP 2019 / Andreas Solaro
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
13829
Seguici su

Beppe Grillo rompe gli indugi e interviene nelle trattative sul nuovo esecutivo, invitando PD e M5S a sedersi a un tavolo per non perdere l'occasione storica di "ripensare il pensiero", di "scegliere la società che vogliamo". E si rivolge ai giovani dem: il momento è vostro.

Il guru del movimento torna a far sentire la sua voce in un video pubblicato sul suo blog, per indirizzare le forze politiche a concludere le trattative per il nuovo governo, rompendo così gli indugi e ponendo fine all'empasse in cui si erano impantanati il M5S e il PD, dopo la presentazione dei 20 punti di Luigi Di Maio.  

Il leader invita le due forze politiche a sedersi al tavolo delle trattative con "euforia", perché c'è un "mondo da cambiare". "Veramente non ci rendiamo conto del storico, del momento straordinario che è questo? C'è da riprogettare il mondo", chiede il fondatore del movimento, elencando una serie di punti su cui la politica dovrebbe agire per il bene del paese, come ripensare il paradigma della crescita, rivedere i progetti industriali e indirizzarli in maniera sostenibile, avviare i progetti di smart city, e tutti i cambiamenti epocali, antropologici, sociali che proverranno dal passaggio dall'energia fossile a rinnovabile.

"Dovete sedervi a un tavolo ed essere euforici, perché appartenete a un momento straordinario di cambiamento - dice Grillo, che parla di riprogettare il mondo e combattere la povertà, cogliere unica  e invita a non fossilizzarsi sulle poltrone e sui "10, 20 punti di programma". Si rivolge in maniera enfatica ai giovani dem: " È il vostro momento questo. EÈil vostro momento. Abbiamo un'occasione unica, unica, Dio mio unica. non si riproporrà più un'altra occasione così. La politica deve decidere che strada prendere, deve scegliere che tipo di società vogliamo. Abbiamo da ripensare tutto, ripensare il pensiero".

La reazione di Zingaretti

Non si fa attendere la risposta del segretario dem, stanco degli ultimatum di Di Maio, che avevano portato a uno stallo le trattative, rimettendo sul tavolo l'opzione del voto anticipato.

"Caro Bebbe, mai dire mai nella vita. Cambiamo tutto e rispettiamoci", ha scritto il leader del PD, accettando l'invito di Beppe Grillo. 

​Il vertice con Conte

Il vertice di ieri pomeriggio con il presidente incaricato Giuseppe Conte aveva segnato dei passi avanti nelle trattative. Entrambe le parti hanno mostrato soddisfazione per i risultati dei colloqui. Anche se il nodo principale, il posto da vice premier chiesto da Di Maio, resta. 

Il movimento ha fatto sapere di aver trovato un accordo con i dem sullo stop a nuovi inceneritori e trivelle, revisione delle concessioni autostradali, taglio parlamentari nel primo calendario utile alla Camera, lotta all'immigrazione clandestina alla criminalità e all'evasione fiscale.

Dall'altro lato, invece i dem fanno sapere che è stato trovato un accordo sulle proposte del PD, dal taglio del cuneo fiscale a favore dei lavoratori a una nuova legge sull'immigrazione, dal blocco dell'aumento dell'Iva allo sblocco immediato delle infrastrutture.

Tema:
Crisi di Governo (77)
Tags:
M5S, PD, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik