03:20 20 Novembre 2019
Banconota 50 euro

Attenti ai contanti! Bankitalia segnalerà chi preleva o versa più di 10 mila euro

© flickr.com/ Images Money
Italia
URL abbreviato
6319
Seguici su

Sotto la lente d'ingrandimento chi muove sul conto cifre in contanti per oltre 10mila euro al mese.

Prelievi e versamenti anomali di contanti non saranno una segnalazione automatica di operazione sospetta, ma saranno sufficienti per finire sotto il faro da parte delle autorità.

Nei rapporti della Commissione Europea si sottolinea la necessità di attuare pienamente, in tutti gli Stati membri, le norme introdotte con la quarta e la quinta Direttiva antiriciclaggio, per colmare le carenze ancora presenti in Europa e promuovere maggiore uniformità.

Da settembre, la Uif, Unità di Informazione Finanziaria per l'Italia, che dipende dalla Banca d'Italia, verificherà il nome di chi ritira o versa banconote per oltre 10 mila euro complessivamente in un mese. Banche, Poste e istituti di pagamento dovranno fornire alla Uif i nominativi di chi supera questa soglia, anche con più operazioni da oltre mille euro. La "comunicazione oggettiva", così si chiama tecnicamente, dovrà essere fatta su base mensile.

I contanti in Italia restano ancora molto usati, rispetto agli altri Paesi europei, malgrado l'aumento sostanziale in questi anni degli strumenti di pagamento come carte di credito, bancomat e bonifici. La "moneta di plastica", ora anche contactless e mobile banking, sta avanzando rapidamente. Tuttavia oltre l'80% dei pagamenti viene eseguito in contanti con dei costi per le banche e gli utenti, basti pensare alla sicurezza necessaria per proteggere le filiali e i rischi per gli esercizi commerciali di tenere in cassa somme cospicue di denaro.

L'uso del contante nasconde l'aspetto del riciclaggio: come rilevava di recente uno studio della stessa Uif, i contanti sono usati maggiormente al Sud per una questione di arretratezza finanziaria e tecnologica, ma gli usi anomali sono concentrati al Centro Nord, dove l'economia muove risorse maggiori. Secondo lo studio dell'Uif, l'uso dei contanti è negativamente correlato con il grado di sviluppo economico locale, mentre risulta correlato positivamente con le dimensioni dell'economia sommersa.

Tags:
Banche, Finanze, Società, Bankitalia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik