02:52 20 Novembre 2019
Slot machines (macchine mangiasoldi)

Perde tutto alle slot. Ma i soldi li aveva rubati alla madre

CC0 / Pixabay
Italia
URL abbreviato
0 15
Seguici su

È successo a Montodine (Cremona), dove un 45enne ha scialacquato alle slot tutti i risparmi della madre, dopo averglieli sottratti di nascosto con una serie di prelievi al bancomat.

L'uomo, affetto da ludopatia, ha prelevato in varie occasioni un totale di 4000 euro, ovvero tutti i risparmi messi sul conto corrente dalla madre, un'anziana di 78 anni, per dare sfogo alla sua insaziabile sete di gioco. 

Non sapendo più cosa fare dopo aver dilapidato tutti i suoi soldi, il 45enne aveva escogitato un sistema per procurarsi altro denaro da investire nella sua passione, finendo però questa volta nei guai.

Gli è bastato trovare il luogo dove la donna custodiva la sua carta di credito e il relativo codice segreto per mettere in atto il suo diabolico piano.

Confidando che la madre non avrebbe sospettato di nulla, ha cominciato a prelevare senza riuscire più a fermarsi, dilapidando tutto in breve tempo.

Dopo alcune settimane la donna si è resa conto di non avere più soldi sul conto e si è rivolta alla figlia per effettuare delle verifiche sull'accaduto, sporgendo anche denuncia ai Carabinieri.

La triste verità è però presto venuta a galla e l'uomo, convocato in caserma, ha ammesso la propria responsabilità, finendo anche denunciato per indebito utilizzo della carta di credito.

Il gioco d'azzardo in Italia 

In Italia il gioco d'azzardo è vietato nei locali pubblici e anche in luoghi privati, sebbene negli ultimi anni alcune tipologie di gioco d'azzardo con premi in denaro siano state legalizzate. È il caso di giochi numerici quali il Superenalotto e il Bingo, delle scommesse sportive, ma anche di giochi di sorte quali appunto le slot machines.

Proprio per queste parziali deroghe il gioco con vincita in denaro rappresenta la terza impresa del paese contribuendo al 4% del PIL.

Delle ricerche economiche eseguite nel corso degli ultimi anni hanno evidenziato come il 55% dei giocatori, anche occasionali, sono di fatto nullatenenti.

In Italia, inoltre, negli ultimi anni sono state lanciate alcune campagne per il gioco responsabile per contrastare e prevenire il gioco d'azzardo patologico.

Nei giorni scorsi, scrive ItaliaOggi, è stato dato il via libera all'obbligo di tessera sanitaria per l'utilizzo delle slot machines per evitare che a giocare siano dei minori.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik