00:32 18 Febbraio 2020
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
5114
Seguici su

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha iniziato la fase finale e decisiva della seconda tornata di consultazioni per superare la crisi di governo, a margine della quale potrebbe nascere un nuovo esecutivo.

In precedenza i rappresentanti del Partito Democratico, in trattativa con il Movimento Cinque Stelle per dar vita ad un nuovo governo, avevano fatto sapere di accettare la candidatura del premier dimissionario Giuseppe Conte, su cui proprio i pentastellati insistono per rivederlo a Palazzo Chigi. Allo stesso tempo il vice segretario dei Dem Andrea Orlando non ritiene giusto assegnare il ruolo di vice premier al leader del M5s Luigi Di Maio, dal momento che questa forza non può occupare temporaneamente entrambi questi incarichi. 

"Non esiste un problema Di Maio, ma esiste un problema di struttura di governo. Se c’è un premier del Movimento 5 stelle è giusto che ci sia un vicepremier del Pd. Serve a fare comprendere che stiamo entrando in fase nuova", il tweet di Orlando.

​Dopo l'incontro mattutino della leadership, il suo collega di partito, il capo della sua fazione nella Camera dei deputati, Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera, ha dichiarato a margine della riunione della direzione del partito che si sta lavorando al futuro programma del nuovo governo di coalizione, e il nome del nuovo presidente del Consiglio, a cui il presidente darà l'incarico per formare il governo, sarà noto la sera. 

Allo stesso tempo il Movimento Cinque Stelle ha deciso di far votare ai propri militanti sulla piattaforma Rousseau l'alleanza con i Dem, fino a poco tempo fa nemici giurati.

Il Movimento sosterrà il progetto solo se il risultato della votazione lo confermerà", ha dichiarato Di Maio.

Il presidente Mattarella durante le consultazioni al Quirinale, dovrà capire quanto possa reggere nel lungo termine la nuova coalizione. Il capo di Stato intende porre fine al più presto alla crisi politica e nel caso non ci fossero le condizioni per un governo stabile ne prenderà atto per indire nuove elezioni.

Zingaretti: via libera Pd a governo con premier indicato da M5s

"Abbiamo espresso al presidente della Repubblica il sostegno al tentativo di dare vita a un governo con una nuova maggioranza politica. Alla luce degli equilibri parlamentari abbiamo riferito di aver accettato la proposta del M5S in quanto maggioranza relativa di indicare il nome del presidente del Consiglio dei ministri", ha dichiarato Zingaretti, dopo le consultazioni.

© Foto : foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica
La delegazione dei gruppi parlamentari "Partito Democratico", in occasione delle consultazioni

"Non c'è alcuna staffetta da proseguire o testimone da raccogliere ma una nuova sfida da cominciare, l'inizio di una nuova stagione politica civile e sociale. Un nuovo Governo che convinca gli italiani che le difficoltà ci sono ma possono essere superate dall'impegno comune", ha affermato il segretario del Partito Democratico a margine delle consultazioni con il capo di Stato.

Berlusconi: Forza Italia all'opposizione del governo del "palazzo"

A margine dei colloqui con il presidente Sergio Mattarella, il fondatore e leader di Forza Italia ed ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha dichiarato che il suo partito sarà all'opposizione del governo giallo-rosso in via di formazione.

© Foto : Foto di Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica
Roma - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con la Sen. Avv. Anna Maria Bernini e On. Avv. Mariastella Gelmini, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “Forza Italia – Berlusconi Presidente” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnate dall’On. Dott. Silvio Berlusconi e dal Dott. Antonio Tajani, rispettivamente Presidente e Vice Presidente del Partito “Forza Italia – Berlusconi Presidente”, oggi 28 agosto 2019.

Ha sottolineato che il governo sull'asse M5s-Pd è frutto di "giochi di palazzo", e l'opposizione di Fi sarà "ferma e senza compromessi" con la bussola orientata verso l'interesse nazionale.

Ha ribadito la sua idea di centrodestra, come forza liberale e cristiana contro il sovranismo e il populismo, in grado di dialogare con l'Europa rimarcando il ruolo guida del Paese.

Salvini: si voti, può scappare per un mese, un anno, non all’infinito

“Dignità vorrebbe che ci fossero le elezioni, chi ha paura del voto può scappare per un mese, un anno, non all’infinito”, lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini dopo le consultazioni al Quirinale.

© Foto : Foto di Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica
Roma - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Sen. Massimiliano Romeo e On. Dott. Riccardo Molinari, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnati dal Sen. Matteo Salvini, Segretario Federale del Partito “Lega – Salvini Premier”, oggi 28 agosto 2019.

“Secondo il rituale previsto siamo stati rapidi, precisi e diretti, onesti fino in fondo con il presidente della Repubblica a cui abbiamo espresso lo sconcerto non della Lega ma di milioni di italiani di fronte a un indecoroso spettacolo della guerra delle poltrone che si sta verificando da giorni”, ha sottolineato il ministro. 

Ha anche attaccato PD e M5S dichiarando che "l'unica cosa che hanno in comune è l'odio contro la Lega". Secondo Salvini, i partiti "litigano già prima di governare, meglio votare subito".

Di Maio: governo con Pd con Conte premier

Il leader pentastellato ha rimarcato il ruolo del Movimento Cinque Stelle, caratterizzandolo come forza post-ideologica al di fuori dei vecchi schemi di catalogazione della politica, che è programmi e servizio per i cittadini.

© Foto : Foto di Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica
Roma - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Sen. Ing. Stefano Patuanelli e On. Dott. Francesco D'Uva, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “MoVimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnati dall’On. Luigi Di Maio, Capo della forza politica “MoVimento 5 Stelle”, oggi 28 agosto 2019.

Di Maio ha dichiarato che serve concordare punti e programmi col Pd prima di discutere i nomi del nuovo esecutivo, che a prescindere da tutto sarà guidato dal premier dimissionario Giuseppe Conte.

Al termine della seconda tornata di consultazioni il portavoce del presidente della Repubblica Giovanni Grasso ha dichiarato che domani mattina salirà al Colle per incontrare il capo di Stato Giuseppe Conte, il premier che meno di due settimane fa aveva rassegnato le dimissioni dopo la crisi avviata dal ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini.

Tema:
Crisi di Governo (77)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook