01:05 16 Novembre 2019
Rave party al parco nazionale dell'Appennino Lucano Val d'Agri nel Lagonegrese

Musica techno tra nidi di cicogne, sgomberato rave abusivo in Basilicata - video

© Foto: Icustodidelcapovaccaio/Facebook
Italia
URL abbreviato
1121
Seguici su

Numerosi ragazzi avevano allestito un campo di roulotte e tende con musica ad alto volume: un “rave” nel parco nazionale dell'Appennino Lucano Val d'Agri. Intervenuti i Carabinieri.

I Carabinieri hanno scoperto l'evento non autorizzato nel territorio del parco nazionale dell'Appennino Lucano Val d'Agri, nel Lagonegrese, Basilicata, sabato mattina scorso. Dei ragazzi arrivati da diversi regioni d’Italia ed anche dai paesi stranieri avevano allestito un campo con tende e roulotte, installando dei dispositivi per ascoltare musica ad alto volume.

Il luogo prescelto dai giovani per dar vita al rave party abusivo è inserito in una zona di alto pregio naturalistico, il che ha scatenato la rabbia di abitanti locali e ambientalisti.

Nella giornata di ieri il portale Potenzanews.net ha pubblicato una nota in cui il senatore lucano della Lega Pasquale Pepe sottolinea che “si tratta di una zona speciale di conservazione di habitat naturali dove nidificano importanti e delicate specie fuanistiche, come capovaccio, la cicogna nera e il grifone” ed esprime l'intenzione di proporre un’interrogazione parlamentare per appurare se e chi abbia concesso l'autorizzazione per questo evento.

Numerose segnalazioni sono arrivate anche ai Carabinieri che hanno eseguito un intervento in tre tempi, dal primo sopralluogo di sabato, fino allo sgombero nella giornata di lunedì.

"I militari, affluiti in numero consistente già nella mattinata di sabato nei pressi dell’area interessata dal raduno, ne hanno dapprima monitorato le fasi evolutive, di modo da salvaguardare le ordinarie condizioni di ordine e sicurezza pubblica, registrando poi la presenza massima di circa di 200 persone nella giornata di ieri, provenienti da varie regioni d’Italia, tra cui anche alcuni di paesi stranieri, per poi intervenire definitivamente e mettere fine alla manifestazione" - afferma un comunicato stampa del comando provinciale di Gallicchio, Potenza.

I Carabinieri della Compagnia di Viggiano (PZ) hanno avviato le procedure d’identificazione dei presenti al “rave” con l’obiettivo di “stabilire possibili responsabilità di carattere penale, in ordine all’invasione di terreni privati, violazioni in materia di pubblica sicurezza, principalmente per gli organizzatori, oltre che di rispetto delle normative ambientali, in ragione della particolare valenza attribuita al sito dal punto di vista faunistico e naturalistico”.

Alla fine del rave party, i giovani ravers hanno provveduto a pulire il terreno occupato: “i partecipanti, prima di lasciare lo spazio occupato, hanno provveduto alla raccolta dei rifiuti, smaltiti attraverso l’apposito servizio del Comune di Gallicchio, ripristinando di fatto lo stato dei luoghi preesistente”, conclude il comunicato dei Carabinieri.

Correlati:

Fugge all'alt dei carabinieri ma si schianta contro auto polizia
Carabinieri salvano turista minorenne da ladro a Pisa
Tags:
carabinieri, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik