16:37 22 Novembre 2019
Il Palazzo del Quirinale

Trump fa complimenti a Conte e PD e M5S decidono di incontrarsi

CC BY 2.0 / Bija's photos / Palazzo del Quirinale, Rome
Italia
URL abbreviato
19437
Seguici su

Ripartono le consultazioni al Quirinale e il presidente statunitense, appena tornato dal vertice G7, esprime su Twitter la speranza il premier resterà Conte, da lui apprezzato.

Si è chiuso il secondo giro di consultazioni al Quirinale. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha avuto un colloquio telefonico con Giorgio Napolitano, il presidente emerito, e poi ha ricevuto il presidente del Senato Elisabetta Casellati. Tuttavia, il presidente del Senato lasciando il Colle non ha rilasciato dichiarazioni.

Successivamente Mattarella ha incontrato il presidente della Camera Roberto Fico e poi i gruppi misti.

In contemporanea alla ricerca di una via d'uscita dall’impasse della crisi di governo, il presidente statunitense Donald Trump ha detto la sua, elogiando il premier Giuseppe Conte, che aveva incontrato ai margini del vertice G7.

“Si stanno mettendo bene le cose per l'altamente stimabile primo ministro della Repubblica Italiana, Giuseppe Conte. Ha rappresentato l’Italia in modo potente al G7", ha scritto Trump su Twitter.

“Giuseppe Conte ama profondamente il suo Paese e lavora benissimo con gli Stati Uniti”, ha aggiunto. “È un uomo di grande talento, spero rimanga premier”, ha concluso il suo messaggio Trump.

Il tweet di Trump esprime ammirazione per il premier dimissionario, nonostante una piccola imprecisione. Nel post inizialmente pubblicato dal presidente USA il nome di Conte è stato scritto in modo sbagliato: Giuseppi. Trump però si è accorto prontamente dell'errore e ha cancellato il tweet, postandone poi uno corretto.

Donald Trump sbaglia a scrivere il nome del premier Conte
© Foto : Screenshot Twitter di Donald Trump
Donald Trump sbaglia a scrivere il nome del premier Conte

Nella giornata di oggi era stato inizialmente annullato un nuovo incontro tra PD e M5s. Tuttavia poco dopo le 18:00 è stato annunciato a Roma un incontro tra i capigruppo di PD e M5S.

La ripresa della trattativa è stata confermata anche dal capogruppo PD al Senato Andrea Marcucci, che ha parlato con i giornalisti all'uscita dalla sede del PD, prima di recarsi all'incontro con la delegazione dei 5 Stelle. Tuttavia poco dopo in un tweet lo stesso Marcucci ha espresso chiaramente un veto alla candidatura di Luigi Di Maio come vice-premier.

La riunione è iniziata alle 18:15 ed è terminata alle 19:45 circa. E' stata individuata una base programmatica, ma non si è parlato di nomi.

Le figure dell'esecutivo sarebbero oggetto di discussione diretta tra Giuseppe Conte e Nicola Zingaretti.

"Abbiamo parlato dei temi, adesso stiamo andando dal nostro capo politico Di Maio." ha detto Francesco D'Uva, capogruppo del M5S alla camera.

​In serata è programmata una riunione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, mentre nella sede del Partito Democratico si è riunita la segreteria.

I prossimi passi, mercoledì la giornata chiave

Nella giornata di domani il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella riceverà al Quirinale a partire dalle 16:00 il PD, Forza Italia, la Lega e poi il M5S. Tra la serata di mercoledì e la mattinata di giovedì dovrebbe quindi essere assegnato il nuovo mandato esplorativo al prossimo capo del governo. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik