16:44 22 Novembre 2019
Migranti e rifugiati aiutati dai membri dell'ONG spagnola Proactiva Oper Arms nel mar Mediterraneo nei pressi di Libia (foto d'archivio)

Salvini firma divieto di ingresso per nave con 101 migranti a bordo, stop anche a ONG dei cieli

© AP Photo / Emilio Morenatti
Italia
URL abbreviato
9351
Seguici su

Il ministro dell'Interno Salvini ha firmato un divieto di ingresso, transito e sosta in acque territoriali per la nave della ONG tedesca Lifeline, con a bordo 101 migranti.

Salvini ha firmato un provvedimento per impedire alla nave Eleanore, battente bandiera olandere, di dirigersi verso i porti italiani. Il decreto è stato inviato ai ministri della Difesa e delle Infrastrutture e Trasporti.

La Eleanore, imbarcazione della ONG tedesca Lifeline, aveva soccorso ieri 101 persone a bordo di un gommone in difficoltà al largo della Libia. L'equipaggio ha denunciato una azione di disturbo della guardia costiera libica avvenuta durante le operazioni di soccorso. 

«Il nostro capitano Claus-Peter Reisch e il suo equipaggio sono riusciti a salvare circa 100 persone che si trovavano in emergenza a 11 miglia della costa libica, aveva annunciato la ONG sui social. I migranti viaggiavano su un gommone che prendeva acqua, con le camere d'aria rotte, che stava per affondare.

Secondo quanto riporta la ONG «una nave militare della cosiddetta Guardia costiera libica si è avvicinata a 50 metri, ignorando l’ordine di mantenere una distanza di sicurezza di 500 metri, così da disturbare il salvataggio. Le persone avevano molta paura di dover tornare in Libia». 

L'equipaggio ha poi chiesto un porto sicuro dirigendosi verso nord, senza fare alcun riferimento all'Italia. La ONG tedesca l'anno scorso, dopo aver soccorso 234 persone, era stata protagonista di un braccio di ferro con il governo italiano e alla fine aveva sbarcato a Malta.

Lo stop dell'Enac alle ONG dei cieli

Lo stop alle ONG arriva anche dall'Enac, l'ente nazionale che gestisce i voli civili, che ha negato l'autorizzazione al decollo a due veivoli-vedetta utilizzati dalle ONG nelle missioni di Search and Rescue nel Mediterraneo per avvistare le imbarcazioni di migranti. Si tratta di Colibrì, un Mcr-4S a elica usato da una ONG francese, e di Moonbird, un Cirrus Sr22 che vola con la Humanitarian Pilote Initiative e collabora con la Sea Watch

Secondo l'Enac non possono essere utilizzati per operazioni di questo tipo. "Le norme nazionali impongono che quei velivoli possano essere usati solo per attività ricreative e non professionali", sottolinea l'ente. 

"Colibrì – sostengono i tecnici dell’Enac - non è un aeromobile certificato secondo standard di sicurezza noti ed è in possesso di un permesso di volo speciale che non gode di un riconoscimento per condurre operazioni su alto mare. È stato inoltre oggetto di modifiche significative di cui non abbiamo tracciabilità. Quelle di Search and Rescue sono operazioni professionali che richiedono un regime autorizzativo, non compatibile con gli aeromobili di costruzione amatoriale"

Le ONG hanno protestato, la Sea-Watch attacca:"Non vogliono testimoni". I veivoli hanno effettuato circa 78 sorvoli e tuttora sono operativi, ma devono partire da scali di altri paesi. 

Tags:
ong, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik