07:45 14 Novembre 2019

Al casello passo gratis! Fermato autista rumeno che ha evaso 16 mila euro di pedaggi

© Foto: Dan Philpott
Italia
URL abbreviato
3222
Seguici su

La Polizia Stradale del Friuli ha scoperto e multato un conducente di mezzi pesanti, colpevole di aver "evaso" i pedaggi autostradali per una somma record di 16 mila euro.

L'uomo, di cittadinanza rumena, era alla guida di un veicolo di immatricolazione anch'essa rumena, fermato lo scorso 22 agosto dal una pattuglia della Polizia di Stato di Gorizia lungo l'autostrada A-4. Il mezzo era stato segnalato dal Centro Operativo Autostradale, che aveva rilevato ripetute violazioni dell'art. 176 del Codice della Strada, ovvero il mancato pagamento del pedaggio.

L’uomo fermato dalla Polstrada risulta anche il titolare e unico camionista della ditta proprietaria dell’autoarticolato:

"Al titolare, consapevole della propria responsabilità e comprendendo che non poteva più eludere il pagamento del pedaggio, non è rimasto che pagare nelle mani degli operatori la sanzione pecuniaria di circa 900 euro per le 13 sanzioni amministrative contestate. Complessivamente il conducente aveva eluso pedaggi per un importo totale di 16.220 euro. La violazione prevede, inoltre, la decurtazione di due punti della patente; pertanto si procederà alla decurtazione di 26 punti con conseguente segnalazione alla Prefettura per l’adozione del provvedimento di inibizione temporanea alla guida sul territorio italiano." - si legge nella nota stampa della questura di Gorizia. 

Il controllo è scattato durante un'operazione realizzata dal Compartimento di Polizia Stradale per il Friuli Venezia Giulia F.V.G. con il supporto di Autovie Venete S.p.a. per il contrasto all’elusione dei pedaggi autostradali nei confronti dei veicoli immatricolati all’estero.

Correlati:

Italia, stop rincaro pedaggi sul 90% delle autostrade
Italia, prezzi benzina superano i 2 euro al litro in autostrada
Piccoli Schumacher crescono: bambino fermato in autostrada a 140 km all’ora
Tags:
Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik