05:57 10 Dicembre 2019
Alessandro Di Battista

Di Battista: sfruttare forza contrattuale M5s per bene cittadini

© AP Photo / Alessandra Tarantino
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
7712
Seguici su

All'indomani del monito del presidente Mattarella dopo le consultazioni e l'avvio della trattativa Pd-M5s, su Facebook è intervenuto il noto esponente pentastellato Alessandro Di Battista.

Nel suo intervento esordisce sottolineando che tutti cercano il Movimento Cinque Stelle e questa situazione andrebbe sfruttata per portare a termine le battaglie del movimento.

Allo stesso tempo esplicitamente dichiara di non aver paura del voto, perchè se il movimento si presenterà compatto riuscirà a raccogliere "valanghe di consensi". D'alta parte ritiene esagerata la forza della Lega e del suo leader Salvini, che i sondaggi danno in testa, mentre sul Pd rileva le spaccature tra le varie anime dei Dem. Tuttavia si augura che non ci siano le elezioni ad ottobre, in quanto vede il rischio che "la prossima legge di bilancio la scriva l'Unione Europea". 

"Il Movimento 5 Stelle ha oggi un potere contrattuale immenso. Tutti ci cercano. Un potere del genere è essenziale sfruttarlo nell'esclusivo interesse dei cittadini. Il mio pensiero è questo, è la prima volta che scrivo da giorni e ciò che penso nulla ha a che vedere con le ricostruzioni di giornalisti sempre più confusi. Io sono convinto che andando al voto adesso, presentandoci compatti e facendo una grande campagna elettorale, prenderemmo valanghe di consensi. Perché Salvini è molto più debole di quanto appaia e perché se si andasse al voto il PD ci arriverebbe spaccato in 2, 3 o 4 pezzi. Ciononostante, e lo dico da cittadino, non vorrei mai che la prossima legge di bilancio la scrivesse l’Unione Europea e tale rischio è altissimo votando a fine ottobre", ha scritto su Facebook Di Battista.

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti
© AP Photo / Antonio Calanni
Nel suo post traspare l'apertura alla Lega, che aveva staccato la spina al governo Conte. Degli ex alleati piace l'offerta di Palazzo Chigi ad un esponente M5s. Per Di Battista le aperture del segretario del Pd Nicola Zingaretti sono essenzialmente frutto di una lotta interna nei Dem, in particolare per il rischio spaccatura del partito da parte dei renziani.

"Ho visto nuove aperture della Lega al Movimento e mi sembra una buona cosa. Soprattutto perché non mi dispiacerebbe un Presidente del Consiglio del Movimento 5 Stelle. Ho visto inoltre porte spalancate da parte del Pd. Zingaretti fa la parte di chi pone veti e condizioni ma in realtà ha il terrore che Renzi spacchi il Pd".

Infine conclude l'intervento esortando il Movimento ad alzare la posta sulle nostre idee e soluzioni per il Paese. In particolare chiede il taglio dei parlamentari e la cacciata dei Benetton dalle nostre autostrade come punti per far nascere nuovo governo.

Tema:
Crisi di Governo (77)
Tags:
Alessandro Di Battista, M5S, Movimento 5 Stelle, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik