10:51 15 Novembre 2019

Crisi di governo, Maroni "può succedere di tutto"

© Sputnik . Alessandro Rota
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
9127
Seguici su

Per l'ex ministro dell'Interno Roberto Maroni, tutti gli scenari politici sono aperti e tutto può succedere. Anche qualche sorpresa di Salvini, prima di martedì...

Roberto Maroni, due volte ministro degli Interni con Berlusconi, ex ministro del Lavoro, ex presidente della Lombardia e predecessore di Salvini nella guida della Lega, è pronto a scommettere su tutti e tre gli scenari che si aprono: il "Conte Bis", ovvero l'ipotesi di rimpasto Lega-M5S, elezioni immediate ad ottobre e l'accordo inedito Di Maio-Renzi. Il politico lo ha detto in un'intervista ad Adnkronos.

Da uno come Salvini c'è da aspettarsi sorprese, assicura l'ex leader del carroccio. E lascia intendere che ritiene improbabile che la situazione sia sfuggita di mano al vicepremier leghista.

"Ferragosto in politica è il periodo dei colpi di Stato, non certo dei colpi di testa. - ha dichiarato Maroni - Conoscendo la rapidità di manovra di Matteo Salvini, che è capace di muoversi alla velocità della luce e finora le ha sempre vinte tutte, non mi stupirei se ci riservasse, da qui a martedì, nuove sorprese".

Il problema è il tempo. Salvini deve giocare rapidamente, a detta di Maroni, per non commettere l'errore di Fini, che lasciò "passare troppo tempo, dando tempo a Berlusconi di riorganizzare le sue truppe...". 

Con le sue ultime dichiarazioni Salvini sembra aver riaperto agli ex alleati di governo, "ha sfumato la risposta alla domanda se con M5S è tutto finito, ha detto 'vedremo', 'ogni giorno ha la sua pena' ecc.". Tutto può succedere "se fosse la schedina del Totocalcio mi giocherei una tripla 1-X-2: dove 1 sta per Conte bis con l'attuale maggioranza (magari con il Mef a Giorgetti e Tria commissario Ue); X sta per elezioni a ottobre; 2 sta per governo Pd-M5S. Vincerei di sicuro...", conclude l'ex ministro.

La crisi di governo

Ancora incertezza sulle sorti del governo, che crea preoccupazione riguardo la manovra economica e le sfide che attendono il paese, nel concreto il taglio delle tasse, la sterilizzazione dell'Iva e le riforme che il governo del cambiamento aveva annunciato. 

In seguito alla mozione di sfiducia a Conte presentata il 9 agosto dalla Lega si sono aperti diversi scenari, inclusa la possibilità di una alleanza istituzionale o addirittura politica fra M5S e PD, per dare un segnale di responsabilità al paese. 

Fallito invece, almeno per il momento, il tentativo della Lega di costituire una allenza di centro-destra, con Meloni e Berlusconi, per presentarsi alle elezioni, che Salvini vuole al più presto possibile. 

Il 13 agosto il senato ha votato per discutere la mozione di sfiducia a Conte martedì 20 agosto. Il 21 il presidente del Consiglio si recherà in Parlamento, mentre il 22 si discuterà il taglio dei parlamentari, provvedimento fortemente voluto dal vicepremier Di Maio. 

Tema:
Crisi di Governo (77)
Tags:
Lega, governo, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik