Widgets Magazine
10:47 24 Agosto 2019
Matteo Salvini, Giuseppe Conte e Luigi Di Maio

Dal Senato "no" a mozione M5S sulla Tav, governo spaccato: PD vuole Conte al Quirinale

© AFP 2019 / Filippo Monteforte
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (27)
2110

La maggioranza si è spaccata sullʼAlta Velocità Torino-Lione. Volano gli stracci nella maggioranza giallo-verde, dove i pentastellati accusano la Lega di intrigo con il PD per aver votato la loro mozione.

Il governo, come previsto in base alle dichiarazioni dei giorni scorsi, ha continuato a rimanere diviso sulla Tav, come confermato dal voto del Senato sulle mozioni. La mozione del Movimento Cinque Stelle, contraria all'opera, è stata nettamente bocciata dai senatori, con 181 no e 110 sì, mentre tutte le altre favorevoli alla Tav presentate dal Partito Democratico, Forza Italia, Fratelli d'Italia e Più Europa di Emma Bonino sono state approvate.

Anche gli esponenti della maggioranza non hanno nascosto la spaccatura. "Si apre un problema politico", ha dichiarato in Aula il senatore Massimiliano Romeo della Lega.

Sul piede di guerra il PD, che per bocca del segretario Nicola Zingaretti invita Conte a tirare le somme da questa spaccatura e salire al Colle da Mattarella per rassegnare le dimissioni.

​Anche altri esponenti del PD parlano di fine della maggioranza giallo-verde, rivendicando allo stesso tempo la coerenza della mozione presentata a favore dell'opera.

​Sul fronte dei Cinque Stelle emerge la spaccatura con parte della base e del suo elettorato, il Movimento No Tav, che sostanzialmente ha accusato i pentastellati di tradimento e sceneggiata. Sul sito notav.info, scrivono: "di questa sceneggiata ne avremmo fatto volentieri a meno, l'esito era scontato. Giochi di palazzo e poltrone, equilibrismi e fanatismi li lasciamo volentieri ad altri"

Cerca di gettare acqua sul fuoco con gli attivisti No Tav persino Beppe Grillo, che con un post su Facebook ha sostenuto che "non avere i numeri non è tradimento".

Infine anche il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi è intervenuto per commentare il voto del Senato: oltre alle solite critiche ai Cinque Stelle, passa la palla a Matteo Salvini, invitandolo a mettere fine all'esperienza fallimentare di questo governo per andare ad elezioni anticipate.

Tema:
Crisi di Governo (27)
Tags:
Movimento 5 Stelle, Lega, partito Democratico, Nicola Zingaretti, Giuseppe Conte, governo, TAV
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik