Widgets Magazine
04:39 24 Agosto 2019
Il Senato italiano

Decreto sicurezza bis, il Governo ha posto la fiducia al Senato

© Foto: Twitter/Senato Repubblica
Italia
URL abbreviato
4101

Il governo ha posto la questione di fiducia sul decreto sicurezza bis al Senato. Lo ha dichiarato Riccardo Fraccaro, il ministro per i Rapporti con il Parlamento.

Inizialmente sono state respinte le pregiudiziali presentati dall'opposizione di sinistra e centrosinistra Leu e Pd con 217 contrari, 53 favorevoli e 2 astenuti. La maggioranza giallo-verde ha superato questo primo scoglio grazie al sostegno dell'opposizione di centrodestra e destra: i senatori di Fratelli d'Italia e di Forza Italia hanno votato insieme alla maggioranza.

Tuttavia questa sera i senatori della Meloni diranno no al decreto sicurezza bis, dal momento che verrà posta la questione di fiducia, mentre i rappresentanti di Forza Italia a Palazzo Madama hanno deciso di non votare.

Dopo che è stato deciso di porre la fiducia alla votazione del decreto, è scoppiata la rabbia del Pd: tra i banchi dei senatori di centrosinistra si sono alzate le grida "vergogna", mentre molto duro è stato l'intervento del senatore ed ex presidente del Senato Pietro Grasso, che ha evocato paragoni con Fascismo e Ventennio.

"Un passo alla volta state trasformando il tempio della democrazia in quell'aula sorda e grigia, in quel bivacco di manipoli evocato in un periodo di cui alcuni, anche qui dentro provano nostalgia".

In merito al decreto, Grasso ha accusato il governo di fare demagogia con l'obiettivo di fare il pieno di voti, trasformando i tweet di Salvini in leggi che non sono da Stato civile e di diritto e usando i social network come fonte di diritto.

"La traversata del Mediterraneo su barche di fortuna non è un giro in moto d'acqua. Il fine non giustifica i mezzi. I metodi che state testando sono senza dubbio efficaci nel breve periodo, e magari faranno fare a voi il pieno dei voti, quando avrete il coraggio di chiederli, questi voti, invece di sventolare sondaggi, ma questi metodi non sono quelli di uno Stato civile, di diritto. Questo decreto traduce in norme i tweet di Salvini. Avete fatto dei post Facebook una fonte del diritto".

Il dibattito a Palazzo Madama scorre veloce. Il governo chiederà la fiducia e alle 22 tutto sarà finito.

Tags:
governo, Movimento 5 Stelle, Lega, Senato, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik