04:58 20 Novembre 2019
Agente di polizia a Roma

Dopo il missile trovati anche due lanciarazzi nel pavese - Polizia di Stato

© AFP 2019 / Andreas SOLARO
Italia
URL abbreviato
4100
Seguici su

La Digos di Torino ha continuato a perquisire il deposito vicino all’aeroporto di Voghera dove ha trovato altri tipi di armamenti pesanti.

La Digos di Torino durante le perquisizioni nell’ambito dell’operazione Matra, che lo scorso 15 luglio ha portato alla scoperta di un arsenale di armi da guerra e di un missile aeronautico di produzione francese, ha trovato due “razziere”, ovvero lanciarazzi aeronautici. 

Si tratta di razziere LR-0 per razzi calibro 50mm che possono essere installate anche su aerei modello MB339, in dotazione all’Aeronautica Militare italiana. La Digos di Torino sta lavorando in collaborazione con gli artificieri dell’Esercito italiano che stanno procedendo alla perquisizione totale del magazzino di Rivazzano Terme in provincia di Pavia.

Il ritrovamento dell’arsenale

Come riportato in precedenza la sezione antiterrorismo della Digos di Torino il 15 luglio ha condotto un’operazione nei confronti di tre persone responsabili di detenzione di armi da guerra nel Pavese dopo un anno d'indagini, avviate dalla questura di Torino.

Gli investigatori avevano monitorato alcuni combattenti italiani con ideologie di estrema destra che avevano preso parte al conflitto armato nella regione ucraina del Donbass.

“Alla fine grazie a intercettazioni e pedinamenti si è scoperto che un uomo di Gallarate, in provincia di Varese, deteneva illegalmente una santabarbara; l’uomo si era anche messo in evidenza per la compravendita di un missile aria-aria che è stato poi trovato e sequestrato in provincia di Pavia”, è riportato sul sito della Polizia di Stato.

​Il missile non è stato l’unico armamento rinvenuto dagli investigatori, infatti la Digos ha sequestrato un arsenale di armi da fuoco, tra le quali fucili d’assalto, pistole mitragliatrici, fucili da caccia, mortai e circa un migliaio di cartucce.

​A seguito dell’operazione oltre all’uomo originario di Gallarate sono stati arrestati anche uno svizzero e un italiano che avevano partecipato alla compravendita del missile.

A.N.

Correlati:

Armi da guerra e missile sequestrati a estremisti destra italiani
Volevano uccidere con veleno, arrestati 4 esponenti dell'estrema destra
Tags:
Polizia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik