Widgets Magazine
18:46 22 Ottobre 2019

Instagram nasconderà i like. Inizia una nuova era dei social

© REUTERS / Reem Baeshen
Italia
URL abbreviato
152
Seguici su

La modifica è ancora in via di sperimentazione, ma potrebbe essere una rivoluzione, che toccherà like addicted, influencer e chi usa i social per fare business.

Instagram ha deciso che effettuerà il test per vedere le reazioni degli utenti. Verranno nascosti i like sulle immagini, solo l'autore dei post potrà vederli. I suoi contatti potranno cliccare sul cuore per indicare il gradimento e leggere il nome di alcuni utenti - i loro amici - che hanno gradito il contenuto. Ma non potranno vedere il numero dei like che l'immagine ha realizzato. 

Il perché lo spiega una finestra che compare sull'immagine: evitare che l'attenzione degli utenti di instagram si sposti dai contenuti al numero di "mi piace". Insomma, secondo Instagram, e anche secondo il buon senso, gli amici devono essere interessati a cosa pubblica l'utente, non ai like che riesce a ottenere. 

Una piccola modifica che però potrebbe radicalmente cambiare le abitudini degli instagrammers - e salvarli dallo stress social. E se dovesse riuscire, l'esperimento potrebbe trasmettersi su altri social.

"Vogliamo che Instagram sia un luogo dove tutti possano sentirsi liberi di esprimere se stessi - spiega Tara Hopkins, Head of Public Policy EMEA di Instagram - Vogliamo aiutare le persone a porre l’attenzione su foto e video condivisi e non su quanti Like ricevono. Stiamo avviando diversi test in più paesi per apprendere dalla nostra comunità globale come questa iniziativa possa migliorare l’esperienza su Instagram”. 

Ci adegueremo a questo nuovo modo di vivere Instagram? lo scopriremo presto. La sperimentazione in Italia inizia proprio oggi, mentre tra gli utenti del social in tutto il mondo non accenna a placarsi la #faceapp mania, il filtro che applicato ad una foto ci permette di scoprire quale aspetto avremo da vecchi.

Tags:
Reti sociali, instagram, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik