Widgets Magazine
11:40 24 Agosto 2019
Matteo Salvini e Giuseppe Conte

Salvini alle parti sociali: flat tax e pace fiscale. Ma è strappo con Conte

© AP Photo / Alessandra Tarantino
Italia
URL abbreviato
643

Salvini all'incontro con le parti sociali preme per anticipare la manovra economica e realizzare la Flat Tax. Ma arriva lo stop del premier Conte.

Flat Tax e riduzione degli adempimenti fiscali e burocratici sono i due punti che Salvini presenta al centro del tavolo di oggi con le parti sociali, i sindacati CGIL, CISL e UIL e Confindustria, Confcommercio, CNA e Coldiretti. Un'agenda da realizzare al più presto, anche anticipando la manovra economica e lavorando luglio e agosto, sottolinea Matteo Salvini. 

L'incontro con le parti sociali è l'inizio di un percorso, specifica Salvini, "non vogliamo sostituirci al presidente del Consiglio". Al tavolo sono presenti anche i vice ministri al Tesoro e al Mise Massimo Garavaglia e Dario Galli, i sottosegretari Claudio Durigon e Guido Guidesi, i presidenti delle commissioni Finanze del Senato e Bilancio della Camera, Alberto Bagnai e Claudio Borghi.

Per quanto riguarda la riduzione delle tasse, la Lega proporrà due misure:

  1. Da un lato la flat tax con una aliquota al 15%, da applicare anche alle famiglie con un reddito sino a 55.000 euro. Una misura che toccherebbe 20milioni di famiglie e quasi 40milioni di contribuenti. A presentare la misura fiscale è proprio il suo ideologo, Armando Siri, recentemente nell'occhio del ciclone per un'inchiesta per corruzione.
  2. L'altra proposta è, invece, la pace fiscale bis, per persone fisiche e società che hanno un contenzioso aperto con lo stato. 

Sul versante delle riduzioni di oneri fiscali e burocratici per le imprese, Salvini delinea una possibile revisione di Imu e Tasi per immobili commerciali e sfitti, stabilità della cedolare secca, riduzione ires, credito d'imposta, etc. 

Avvisa gli alleati di governo, il M5S, che la Lega vuole "una manovra economica del sì", basata su "sblocco, fiducia e cantieri", e specifica:

"Si è parlato molto di sblocco dei cantieri, piccole e grandi opere, il confronto all'interno del governo su questo non prevede più perdite di tempo. Qualsiasi sblocco non è più accettato né accettabile". 

Autonomia e riforme

Salvini accenna anche un passaggio sulle autonomie e sulle riforme. L'autonomia necessaria per tagliare sprechi, premiare il merito e portare l'Italia ai livelli europei per innovazione ed efficienza. 

Ma c'è anche bisogno di riforme coraggiose della giustizia civile e tributaria, aggiunge Salvini, per garantire una riduzione dei tempi e certezza della pena per chi trasgredisce. 

Lo strappo con Conte

Ma per quanto il ministro Salvini dichiari, ripeta e ribadisca di non volersi sostituire a nessuno, il premier Conte non ci sta e frena. 

"Se oggi qualcuno pensa che non solo si raccolgono istanze da parte delle parti sociali ma anticipa dettagli di quella che ritiene che debba essere la manovra economica, si entra sul terreno della scorrettezza istituzionale", dichiara Conte, sottolineando il carattere esclusivamente consultivo del tavolo odierno.

Conte ha da ridire anche sulla presenza di Siri, inopportuna, a suo dire ad un incontro di governo e si dice favorevole al fatto che Salvini riferisca in parlamento sul caso Savoini-rubli: "Noi crediamo nella trasparenza nei confronti dei cittadini in ogni sede, in tutte le occasioni, in primis in Parlamento, le sedi giuste per onorare questa linea guida".

 

Tags:
flat tax, Giuseppe Conte, Matteo Salvini
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik