Widgets Magazine
05:18 21 Luglio 2019

Sea Watch, Carola Rackete denuncia Salvini

© REUTERS / Guglielmo Mangiapane
Italia
URL abbreviato
27242

“Le parole utilizzate dal ministro nei confronti della mia assistita la stanno esponendo ad eventuali aggressioni", afferma l’avvocato Alessandro Gamberini.

Tra poche ore sarà formalmente depositata in Procura, a Roma, la querela di Carola Rackete, capitana dalle Sea Watch nei confronti del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, riporta Askanews. Nella denuncia, scritta dall’avvocato Alessandro Gamberini, si ipotizzano i reati di istigazione a delinquere e diffamazione.

Le parole utilizzate dal ministro nei confronti della mia assistita – ha spiegato nei giorni scorsi Gamberini – la stanno esponendo ad eventuali aggressioni: una vera e propria istigazione a delinquere che arriva da un ministro della Repubblica”.

Il 12 giugno la nave Sea Watch 3 dell'Ong tedesca Sea Watch ha soccorso 52 persone da un gommone al largo della Libia e ha rifiutato il porto di Tripoli perché non lo considerava sicuro. Tre giorni dopo il ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha firmato il divieto di ingresso per la Sea Watch.

Il 26 giugno Carola Rackete, la capitana della nave, ha preso la decisione di entrare in acque italiane il giorno dopo la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo che ha respinto l'appello dei 42 migranti per sbarcare in Italia.

Il 27 giugno la nave Sea Watch ha forzato il blocco, approdando nello spazio di mare di fronte a Lampedusa.

Il 29 giugno, dopo 17 giorni passati in mare, i 40 migrati a bordo della Sea Watch sono sbarcati a Lampedusa. Carola Rackete è stata arrestata dagli uomini della Guardia di Finanza per violazione dell'articolo №1100 del codice della navigazione, però poi l'arresto è stato annullato.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik