10:46 13 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
13340
Seguici su

Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini ha commentato la scelta dell'imbarcazione Alex di forzare il blocco e dirigersi verso il porto di Lampedusa.

"Le Forze dell’Ordine sono pronte ad intervenire, vediamo se anche in questo caso la “giustizia” tollererà l’illegalità: in un Paese normale arresti e sequestro della nave sarebbero immediati. Questi non sono “salvatori”, questi sono complici dei trafficanti di esseri umani", ha proclamato Salvini.

"La nave dei centri sociali, che a quest’ora sarebbe già arrivata a Malta che aveva dato la disponibilità di un porto sicuro, infrange la legge, ignora i divieti ed entra in acque italiane", ha sottolineato lui.

​L'imbarcazione Alex

L'imbarcazione Alex si sta dirigendo verso il porto di Lampedusa per sbarcare, contravvenendo al divieto di entrare in acque territoriali. Decisione assunta dinnanzi "all'intollerabile situazione igienico–sanitaria a bordo".

Con un comunicato stampa diffuso questa mattina su internet dalla ONG italiana, Mediterranea Saving Humans, aveva dichiarato a proposito della nave ALEX, che Lampedusa è l'unico porto sicuro in cui poter sbarcare. "In queste condizioni andare a Malta metterebbe a rischio la sicurezza e l'incolumità delle persone", ha scritto l'equipaggio in una nota.

"Dopo una notte di scambi con i Centri di coordinamento dei soccorsi di Malta e Italia, è del tutto evidente che partire per il porto de La Valletta nelle attuali condizioni significherebbe mettere a rischio la sicurezza e l'incolumità delle persone a bordo della ALEX".

L'imbarcazione infatti, omologata per il trasporto di 18 persone, in questo momento trasporta 41 persone più l'equipaggio, non è attrezzata per affrontare le 15 ore di navigazione necessarie ad arrivare a Malta, manca dei servizi igienici basici, cibo e persino acqua potabile, secondo quanto afferma la portavoce Alessandra Sciurba.

Tags:
Migranti, Matteo Salvini
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook