07:19 13 Dicembre 2019
Virginia Raggi, sindaco di RomaRifiuti

Donne al graffio – Carfagna sarcastica, Raggi stocastica

© AP Photo / Alessandra Tarantino © AFP 2019 / Issouf Sanogo
1 / 2
Italia
URL abbreviato
Di
345
Seguici su

Mentre Virginia Raggi, sindaco di Roma, è alle prese con l’emergenza rifiuti e si trova costretta a firmare un’ordinanza per individuare l’ennesima discarica, la deputata Mara Carfagna graffia col tipico sarcasmo da tweet.

Dato che per l’arrivo di Putin Roma sono riusciti a pulirla, allora forse bisognerà invitare più Capi di Stato stranieri per tenerla in ordine – questo il succo del tweet apparso il giorno della visita del Presidente della Federazione russa

​Divertente e sagace ma alquanto impietoso. D’altra parte da una rivale in politica ce se lo poteva aspettare. La situazione a Roma però è tutto fuorché divertente e forse servirebbero più buone idee che battute. Senza termovalorizzatori, senza un sistema adeguato per il trattamento della differenziata, senza la possibilità di esportarla l’immondizia dato che costa sempre più caro, non rimangono altro che le discariche. Sì ma dove?

E’ di oggi la notizia della firma da parte del sindaco dell’ordinanza con la quale si dà il via libera all’individuazione di un ‘sito per le attività di trasbordo dei rifiuti urbani’ – discarica appunto. Si cercherà il luogo giusto nella zona di Saxa Rubra di proprietà di Roma Capitale, l’ente territoriale comunale dotato di speciale autonomia che amministra il territorio della città.

“L'obbligo in capo ad Ama (la società incaricata), una volta allestito il sito nel rispetto delle disposizioni ambientali, sanitarie e di tutela della salute dei lavoratori, è di effettuare il trasbordo senza il deposito dei rifiuti a terra”

Così è scritto nell’ordinanza. Si parla di massimo un 300 tonnellate al giorno. La formula ‘trasbordo senza deposito dei rifiuti a terra’ fa tuttavia pensare ad un sito temporaneo. Per altro l’ordinanza ordina appunto prima di tutto di individuarlo il sito, il ché già non è poi così facile anche se viene indicata l’area. Bisogna vedere se lo si trova, se una volta trovato come la prenderanno per esempio i dipendenti del Centro radiotelevisivo Biagio Agnes della Rai che sta proprio lì e se nel frattempo la cosa non sfuggirà ulteriormente di mano.

Virginia Raggi, sindaco di Roma
© REUTERS / Remo Casilli
Combinata a questa ordinanza c’è il provvedimento a sua volta firmato da Nicola Zingaretti, tuttora presidente della Regione nonostante la fresca nomina a Segretario del partito. La somma dei due provvedimenti impone alla stessa società Ama di raccogliere entro 48 ore tutti i rifiuti, disinfestare, fornire entro 3 giorni 300 nuovi cassonetti, entro 7 mettere in campo altri mezzi per la raccolta e entro 15 individuare e mettere in esercizio almeno un altro sito alternativo di trasferimento e trasbordo. La stessa Ama dovrà poi fornire aggiornamenti continui sullo stato di avanzamento dei lavori chiesti dall’ordinanza.

Insomma farà tutto l’Ama. Forse.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik