20:41 26 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
574
Seguici su

Bottigliate, pugni, insulti e testate con minacce per far togliere a 4 ragazzi le magliette del Cinema America, arena di Trastevere recuperata da una associazione di giovani. "Noi combattiamo contro ogni genere di violenza" - Salvini.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, da Washington, condanna l’aggressione a Roma a quattro giovani che indossavano la maglietta del Cinema America, avvenuta nella notte tra sabato e domenica. “Noi – ha detto Salvini – combattiamo contro ogni genere di violenza, che siano comunisti o fascisti. Del resto io faccio il ministro che reprime la violenza. Ho letto che qualcuno anche su questo episodio ha provato a dare la colpa a Salvini”.

Anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha condannato l’episodio: “Pochi anni or sono – ha dichiarato Conte – un gruppo di ragazzi si è organizzato ed è intervenuto a salvare dalla demolizione il Cinema America di Trastevere. Da quell’esperienza è nata l’associazione oggi denominata “Piccolo America”, che ha curato varie rassegne estive, gratuite. Ieri alcuni giovani presenti all’arena romana di piazza San Cosimato sono stati aggrediti perché non hanno ceduto a un gesto di sottomissione: non si sono tolti la maglia bordeaux col logo dell’Associazione, sinonimo per gli aggressori di fede “antifascista”. “Aspettiamo le necessarie verifiche, ma se i fatti fossero confermati sarebbe un episodio gravissimo, aggravato dalla intolleranza ideologica”.

​L’aggressione è avvenuta nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 4. Bottigliate, pugni, insulti e testate con minacce per far togliere a 4 ragazzi le magliette del Cinema America, arena di Trastevere recuperata da una associazione di giovani. Ad agire sono stati – riferisce una nota – “una decina di individui di circa trent’anni all’urlo di ‘Hai la maglietta del Cinema America, sei antifascista, levati subito sta maglietta, te ne devi andare via da qua’”.

Guardare per credere: il canale YOUTUBE di Sputnik Italia

I quattro aggrediti – si ricorda – avevano passato la serata anche in Piazza San Cosimato per seguire le proiezioni dei ragazzi del Cinema America. A denunciare il tutto è David Habib, ricoverato d’urgenza al Fatebenefratelli. Lui aveva indosso la maglietta bordeaux ora piena di sangue per via di una tumefazione e trauma con fattura scomposta alla piramide nasale. Ad un altro degli aggrediti sono stati messi tre punti sul sopracciglio destro.

Fonte: Askanews

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook