Widgets Magazine
00:47 18 Ottobre 2019
Autoveicolo dei Carabinieri

Lecce, sospesa una maestra d’asilo per maltrattamenti ai bambini

CC BY-SA 2.0 / Klaus Nahr / Carabinieri
Italia
URL abbreviato
131
Seguici su

Le riprese delle telecamere hanno evidenziato almeno 47 episodi di violenza nei confronti di alcuni dei suoi alunni. La maestra viene sospesa dal pubblico servizio e subisce il divieto di esercitare attività presso istituti pubblici e privati per la durata di sei mesi.

I carabinieri della compagnia di Nardò (Lecce) hanno eseguito nei confronti di una insegnante di 61 anni di un asilo una misura restrittiva della sospensione dal pubblico servizio e del divieto di esercitare attività presso istituti pubblici e privati per la durata di sei mesi. La decisione è arrivata dopo una complessa ed articolata indagine svolta anche con intercettazioni audio e video.

La vicenda parte da una segnalazione dei genitori di un bambino di 3 anni dell’istituto, che avevano notato un brusco cambiamento nel comportamento del figlio. Il bambino è divenuto anche restìo ad andare a scuola. I genitori hanno descritto ai carabinieri le anomalie comportamentali nei dettagli e hanno dichiarato di aver riscontrato diversi lividi sulle gambe del figlio al rientro della giornata scolastica.

Gli inquirenti hanno esaminato i filmati delle telecamere poste all’interno dell’istituto scolastico, il che ha portato all’evidenza che la maestra metteva in atto vessazioni psico-fisiche verso alcuni bambini all’interno della scuola.

In almeno 47 occasioni la maestra ricorreva non solo a strattonamenti, schiaffi e sculacciate ma anche ad offese e minacce di vario tipo, suscitando in tal modo sofferenza e mortificazione ai piccoli, le cui reazioni di pianto e disperazione sono state anche registrate dalle intercettazioni.

Correlati:

Autorità tedesche iniziano a bocciare richieste di asilo dei profughi siriani
Indagini sulla Sanità umbra, arrestati il segretario Pd e un assessore
Palermo, Salvini incontra la prof sospesa, tornerà in classe (VIDEO)
Tags:
Scuola, indagine, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik