Widgets Magazine
22:21 20 Agosto 2019
Robot italiano

Video: Robot “raccogli-plastica” italiano passa il primo test subacqueo

© Foto : Press Office Scuola Superiore Sant’Anna Pisa
Italia
URL abbreviato
0 31

Un team di ricercatori italiani ha realizzato un robot che si occuperà di pulire il mare dalla plastica e che ha recentemente passato il suo primo test subacqueo.

L’inquinamento dei mari per via dei rifiuti in plastica è un problema ecologico grave cui gli studiosi stanno cercando soluzioni sempre più innovative. Per esempio, i ricercatori dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa hanno creato il robot SILVER 2 (Seabed Interaction-Legged Vehicle for Exploration and Research 2), che si occuperà di raccogliere la plastica presente sul fondo del mare, riporta New Atlas.

Il robot originale, SILVER, era stato presentato l’anno scorso come mezzo per effettuare le ricerche subacquee a disposizione di biologi, geologi, fotografi e altri specialisti. SILVER 2 ha le stesse capacità, ma il suo principale obiettivo è di raccogliere la plastica che inquina i nostri mari.

Il robot è dotato di 6 “gambe” che gli permettono di spostarsi sul fondale marino superando i possibili ostacoli e due videocamere ad alta risoluzione attraverso le quali esamina l’ambiente circostante.

Il primo test subacqueo di SILVER 2 si è svolto nelle vicinanze del porto di Livorno. Quando sarà pronto il robot, che pesa 9 kg, dovrà individuare ed eliminare le microplastiche in mare, ma potrà raccogliere anche altri rifiuti come sacchetti e bottiglie grazie alla mano robotizzata di cui sarà presto dotato. SILVER2 non è finalizzato al lavoro autonomo e verrà comandato a distanza. Il livello massimo di immersione è 200 metri di profondità.

Correlati:

Animali ed insetti robot per l'esercito sudcoreano entro 2024
Nuovo robot a quattro zampe può trainare un aereo da tre tonnellate
Buona la plastica? Ecco quanta ne mangiamo
Tags:
plastica, Inquinamento, Italia, tecnologia, robot
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik