Widgets Magazine
04:37 24 Agosto 2019
Autoveicolo dei Carabinieri

Colpito il clan mafioso “Fragalà”: numerosi arresti a Roma e a Catania

CC BY-SA 2.0 / ludovic
Italia
URL abbreviato
1100

Il clan aveva determinato un pesante clima di intimidazione ai danni di commercianti e imprenditori locali, costretti a subire estorsioni attraverso attentanti dinamitardi e minacce.

Operazione dei carabinieri contro il clan “Fragalà”. Eseguiti numerosi arresti e perquisizioni in provincia di Roma e Catania. I carabinieri del Ros, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma, hanno disarticolato il sodalizio mafioso denominato clan “Fragalà”, operante nell’area metropolitana romana e in particolare nei comuni di Ardea, Pomezia e Torvajanica.

Il clan aveva determinato un pesante clima di intimidazione ai danni di commercianti e imprenditori locali, costretti a subire estorsioni attraverso attentanti dinamitardi e minacce.

Disvelato anche un consistente traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, marijuana e hashish, importate dalla colombia e dalla spagna grazie ad alleanze con gruppi criminali camorristici e siciliani.

Nel corso delle indagini, oltre a sequestri di partite di droga e armi da fuoco, è stato sventato un sequestro di persona, liberando l’ostaggio e arrestando gli 8 sequestratori; è stata rinvenuta e sequestrata una formula manoscritta di affiliazione mafiosa.

In precedenza, il 30 aprile, a Catania sono state eseguite misure cautelari nei confronti di 26 persone affiliate al clan dei Tuppi attivo nel territorio di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia, attualmente confederato alla famiglia mafiosa dei Mazzei.

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, omicidio, estorsione in concorso, furto, ricettazione e riciclaggio in concorso, detenzione e porto illegale di arma clandestina, trasferimento fraudolento di valori e corruzione, con l’aggravante del metodo mafioso.

Fonte: Askanews

Tags:
Arresto, mafia, carabinieri, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik