Widgets Magazine
15:37 18 Luglio 2019

Ponte sullo stretto: favorevoli o contrari? (VIDEO)

© Sputnik . Clara Statello
Italia
URL abbreviato
Clara Statello
1089

L'idea del ponte di Messina viene rilanciata periodicamente, specie in campagna elettorale o se si scorgono all'orizzonte finanziamenti, ad esempio adesso che l'Europa apre i cantieri TEN-T per 40miliardi di euro e la Sicilia può ambire a far includere il ponte nel corridoio scandinavo - mediterraneo.

Così il sindaco di Messina Cateno De Luca ha presentato a febbraio una nuova analisi costi-benefici, il presidente della regione Musumeci ha proposto un referendum regionale sul ponte e, più recentemente, alcuni parlamentari hanno presentato un esposto alla procura della Corte dei Conti per chiedere di accertare il danno erariale derivante dalla non realizzazione dell'opera. Tanto c'è sempre chi si aggrappa alla speranza del ponte, mentre attende per ore l'aliscafo o si sposta su lenti e fatiscenti treni: i pendolari.

La progressiva riduzione del traffico terrestre/marittimo in favore di quello aereo ha trasformato Messina da antica porta della Sicilia a terra di passaggio, per chi entra ed esce dall'isola, per viaggio, lavoro o studio. Così la stazione centrale appare semi deserta. Alla porta dell'intercity diretto a Roma, in attesa di essere imbarcato sul traghetto, si affacciano due studenti di Marsala, in gita a Tropea. "Ci abbiamo messo sei ore per arrivare qui, e ancora dobbiamo traghettare". Sulla banchina del molo i pendolari, stipati sotto tre pensiline che a stento li riparano dalla pioggia e dal vento, attendono l'aliscafo. "Per arrivare da Palermo a Reggio impiego lo stesso tempo che impiegherei per arrivare da Roma a New York", spiega Domenico, che viaggia per lavoro.

Mentre secondo Giuseppe non è necessario costruire un ponte, "basterebbe aumentare gli itinerari con il traghetto" per aumentare l'efficienza dei servizi e abbattere i tempi di attesa.

C'è in media un aliscafo all'ora, sino alle otto di sera, e le partenze non sono coordinate con le coincidenze di treni e autobus. Così ci sono attese di ore. Chi viaggia in auto deve pagare sino a 70 euro per attraversare meno di 4km di mare. Sono i costi di insularità, che rendono più onerosi gli spostamenti e i trasporti. A questo si aggiunge il disinvestimento in infrastrutture, trasporti circa il 50% in meno in pochi anni. Le reti stradali sono fatiscenti e inadeguate, i treni si muovono su un unico binario, mancano collegamenti rapidi tra le maggiori città, i ponti e i viadotti crollano.

Questa situazione disastrosa non sembra scoraggiare quanti vedono nel ponte sullo stretto l'unico rimedio per uscire dall'insularità. Il ponte farebbe da volano a tutti gli altri investimenti e infrastrutture. Non una Sicilia sviluppata che si dota di un collegamento stabile, ma un collegamento stabile per consentire lo sviluppo della Sicilia.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
ponte, Video, Italia, Messina, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik