05:18 25 Maggio 2019
Il premier italiano Giuseppe Conte

Conte: Siri deve dimettersi

© Sputnik . Mikhail Klimentyev
Italia
URL abbreviato
4166

Il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi ha annunciato la decisione di proporre al prossimo consiglio dei ministri le dimissioni del sottosegretario Armando Siri.

"Porrò all’ordine del giorno del prossimo Consiglio dei Ministri la mia proposta di revoca della nomina del sottosegretario Siri. Questo non vuol dire che Siri sia colpevole, è coinvolto in indagini preliminari. Ho incontrato il sottosegretario lunedì sera e ho avuto un lungo colloquio con lui anche per prendere una decisione ponderata", ha dichiarato il premier.

"Ho sempre rivendicato per questo governo un alto tasso di etica pubblica e nel caso di specie il sottosegretario, è normale ricevere suggerimenti per modifiche o introduzione di norme, come governo abbiamo responsabilità di discernere e valutare se queste proposte hanno carattere di generalità o se avvantaggiano il tornaconto di singoli. In questo caso la norma non era generale e astratta, ho quindi valutato la necessità di dimissioni del sottosegretario", ha detto Conte.

"Sin da quando è sorto il caso Siri mi sono chiesto come può il governo del cambiamento affrontarlo. Per me non è affermazione retorica. Significa che il Governo si impegna a realizzare buone pratiche tutelando i cittadini e non interessi di parte", ha aggiunto il Presidente del Consiglio.

Armando Siri, senatore della Lega e sottosegretario ai Trasporti del governo Conte, viene indagato per corruzione.

Il 18 aprile il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha disposto il ritiro delle Deleghe al sottosegretario Armando Siri, in attesa che la vicenda giudiziaria assuma contorni di maggiore chiarezza. 

Correlati:

“Siri si dimetta dal governo fino al chiarimento” (così M5s alla Lega)
Di Maio parla di “paraculismo” e insiste che Siri deve lasciare
Tags:
Dimissioni, Indagine, Corruzione, Armando Siri, Giuseppe Conte, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik