Widgets Magazine
05:40 20 Agosto 2019
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell'Aula di Montecitorio in occasione della cerimonia di giuramento

Mozione genocidio armeno, la Camera dà il via libera

© Foto: Presidenza della Repubblica
Italia
URL abbreviato
9135

La decisione è stata unanime con 382 voti favorevoli.

La Camera ha esaminato le mozioni riguardo il riconoscimento del genocidio del popolo armeno ed ha approvato con 382 favorevoli, 43 astenuti e nessun contrario alla mozione Formentini, Sabrina De Carlo, Delmastro, Delle Vedove, Quartapelle, Procopio, Boldrini, Colucci ed altri.

“Approvata la mozione sul riconoscimento del genocidio del popolo armeno da parte della Turchia. Una vittoria di un parlamento che ha resistito alle pressioni turche che ha convocato il nostro ambasciatore ad Ankara e ha inviato l’ambasciatore turco in Parlamento per condizionare il voto”, ha commentato il deputato Fratelli d’Italia e capogruppo Fdi in commissione Esteri, Andrea Delmastro.

Dopo il via libera del Montecitorio Federico Mollicone, deputato di Fratelli d'Italia e capogruppo in commissione Cultura, ha chiesto in una nota al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di convocare l'ambasciatore turco.

"Chiedo al Presidente Giuseppe Conte di convocare l’ambasciatore turco, dopo la reazione avuta: nessuna nazione straniera può permettersi di dettare condizioni al Parlamento italiano. Nel rispetto delle prerogative, il parlamento italiano è sovrano e interpreta la volontà del popolo", ha detto Mollicone.

Nella giornata di lunedì la Turchia ha convocato l’ambasciatore italiano ad Ankara, Massimo Gaiani.

Il genocidio armeno, ovvero olocausto degli armeni, finora è stato riconosciuto da 29 paesi.

Correlati:

Orchestra tedesca invita Erdogan al concerto dedicato al genocidio degli armeni
Il Bundestag riconosce i crimini del 1915 come genocidio contro gli armeni
Russia apprezza voto Bundestag su genocidio armeni
Esperto spiega complicità della Germania nel genocidio armeno
Bourj Hammoud: dal genocidio armeno alla crisi siriana
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik