17:51 22 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
302
Seguici su

"Il primo pensiero debba sempre essere quello di aiutare i nostri giovani affinché possano farsi una famiglia, avere dei figli, vivere con serenità il loro progetto di vita".

Nei prossimi 5 anni, nelle classi italiane ci saranno oltre 360 mila studenti in meno, ma per il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, “si tratta di una questione a noi nota. La stiamo monitorando e la gestiremo. Ma non dobbiamo creare allarmismi: il nostro sistema di istruzione non verrà depotenziato. Anzi, l’obiettivo è offrire più scuola ai nostri ragazzi. La scuola ha il compito prioritario di essere al servizio dei ragazzi, i veri fruitori del sistema scolastico. Che deve essere di qualità in tutto il territorio e in ogni ordine e grado”.

In un’intervista alla “Stampa”, Bussetti sottolinea che “la scuola è il luogo principale di inclusione nella nostra società. L’ho sempre detto, fin dal mio insediamento. Voglio ribadire anche che questo governo non agisce in maniera pregiudiziale rispetto alla questione migratoria: stiamo affrontando il tema con serietà e responsabilità. A differenza di come è stato fatto in passato. Regolare i flussi tutela innanzitutto chi cerca rifugio in Italia, avendone diritto. Penso anche, però, che il primo pensiero debba sempre essere quello di aiutare i nostri giovani affinché possano farsi una famiglia, avere dei figli, vivere con serenità il loro progetto di vita. La ritengo una priorità assoluta”.

Fonte: Askanews

Correlati:

"No alla NATO: i giovani siciliani contro 70 anni di presenza militare in Sicilia" (VIDEO)
Vincitore Premio Nobel: i giovani italiani abbandonano le città per andare in provincia
Sisma nel catanese, Musumeci: 80% nostre scuole non è a norma
Tags:
Scuola, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook