00:24 04 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
203
Seguici su

Berlusconi era indagato con l’accusa di corruzione in atti giudiziari.

La procura di Roma ha chiesto l’archiviazione di Silvio Berlusconi nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte corruzioni al Consiglio di Stato. L’inchiesta è legata a una sentenza del 2016 in cui il Consiglio di Stato decise, ribaltando una precedente decisione del TAR e della Banca d’Italia, che Berlusconi non doveva cedere alcune sue quote in Banca Mediolanum.

Sul registro degli indagati si trovava anche il relatore del famoso “verdetto”, il giudice Roberto Giovagnoli. Nel quadro del caso erano indagati anche l’ex giudice del Consiglio di Stato, Nicola Russo, e l’ex funzionario di palazzo Chigi, Renato Mazzocchi. Il “Sistema” di compravendita delle sentenze è stato ricostruito dall’avvocato Piero Amara, arrestato nell’ambito della maxi-inchiesta sul Consiglio di Stato.

Il 24 luglio 2019 l'agenzia Reuters ha comunicato che il giudice per le indagini preliminari ha archiviato l’indagine per corruzione in atti giudiziari nei confronti dell’ex premier della Repubblica Italiana Silvio Berlusconi.

Si precisa anche che è stata archiviata la posizione degli altri tre indagati, Roberto Giovagnoli, giudice estensore della sentenza Mediolanum, Renato Mazzocchi, ex funzionario della Presidenza del Consiglio.

Correlati:

Corruzione, Ad di Acea indagato in relazione allo stadio della Roma
Berlusconi indagato a Roma per corruzione
Istat, per un terzo degli italiani inutile denunciare corruzione
Tags:
Indagine, Corruzione, Silvio Berlusconi, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook