Widgets Magazine
08:45 23 Agosto 2019
Giuseppe Conte

Ue, Сonte: vogliamo darle una scossa per rilanciarla

© REUTERS / Remo Casilli
Italia
URL abbreviato
220

L'Italia non è "isolata" ma piuttosto "non ha rinunciato ad esprimere le proprie opinioni anche quando ciò che aveva da dire era scomodo”.

Il governo italiano vuole dare all'Europa "una scossa". Lo ha detto il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, definendo gli scontri con gli altri membri dell'Ue come semplici "incomprensioni". In un'intervista a POLITICO il giorno prima di un discorso ai membri del Parlamento europeo a Strasburgo, Conte ha detto che gli scontri con Bruxelles e con la Francia non hanno danneggiato la posizione dell'Italia in Europa. L'Italia non è "isolata", ha detto il primo ministro, ma piuttosto "non ha rinunciato ad esprimere le proprie opinioni anche quando ciò che aveva da dire era scomodo".

Conte ha respinto l'idea che il governo sia antieuropeo. "Essere anti-istituzione e perseguire il cambiamento non significa essere anti-UE. Al contrario, perché ci sta a cuore l'Europa, vogliamo che diventi un'Europa dei popoli, più vicina ai bisogni dei cittadini", ha detto. "Alcuni dicono che volevamo sfidare l'UE, io dico che vogliamo davvero darle una scossa per rilanciarla", ha detto Conte.

"È nei momenti di crisi che bisogna scuotere le cose, rimettersi in piedi e ripartire". Conte sarà domani in Parlamento dopo aver incontrato martedì scorso il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, il quale ha dichiarato che farà capire chiaramente ai deputati europei "che abbiamo davvero bisogno di un approccio diverso sull'immigrazione e sulla governance economica e fiscale dell'UE". "Questi temi non devono creare divisioni tra gli Stati membri e le incomprensioni degli ultimi giorni rappresentano l'effetto, piuttosto che la causa, dell'incapacità dell'UE di proporre soluzioni. Se non affrontiamo questi bisogni e il cambiamento che stiamo vivendo, rischiamo di far crollare l'architettura dell'UE", ha detto.

Una delle "incomprensioni" si è trasformata in una vera e propria crisi diplomatica tra Italia e Francia, con Parigi che ha richiamato il suo ambasciatore a Roma dopo quelli che ha definito "ripetuti e infondati attacchi" dei partiti italiani al potere. Conte ha detto di sperare che i rapporti tra i due Paesi "possano essere risolti al più presto" e che un incontro tra Di Maio e i leader del movimento dei gilet gialli, che ha acuito le tensioni con il governo di Emmanuel Macron, non sono affari del governo. Tuttavia, ha detto che l'incontro di Di Maio "deve essere visto nel più ampio contesto del dibattito riguardante i movimenti politici".

Le relazioni con la Francia sono state ulteriormente complicate dal progetto della Tav tra Torino e Lione, su cui i francesi hanno iniziato i lavori ma che i 5 Stelle vogliono smantellare, e da una possibile fusione tra i giganti del cantiere navale francese STX e l'italiana Fincantieri, che è all'esame del Commissario europeo per la concorrenza Margrethe Vestager. Conte ha detto che il futuro del collegamento ferroviario dipende dai risultati di un'analisi costi-benefici, che sarà resa pubblica martedì, secondo il ministro dei trasporti Danilo Toninelli. "Abbiamo pianificato miliardi di investimenti infrastrutturali nel nostro bilancio, quindi un potenziale "no" al collegamento ferroviario non rappresenterebbe un "no" alle infrastrutture in generale", ha detto Conte.

Correlati:

Abruzzo, Conte e Salvini assicurano: nulla cambia per il governo
Conte: con Francia rapporto non è in discussione
Iraq, Conte: insorgenza di Daesh rappresenta ancora una seria minaccia
Tags:
Relazioni con l'UE, governo, TAV, M5S, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Jean-Claude Juncker, UE, Italia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik