01:25 19 Febbraio 2019
Benjamin Griveaux

Crisi Italia-Francia, Griveaux: bisogna portare avanti la Tav

© AFP 2018/ ludovic MARIN
Italia
URL abbreviato
3013

Il portavoce del governo francese, Benjamin Griveaux ha defenito l'Italia come un alleato storico e vorrebbre fidarsi dell'Italia. La Tav sarebbe un punto di collaborazione importante per le relazioni tra i Paesi.

Ultimamente le relazioni tra Italia e Francia sono peggiorate. Benjamin Griveaux, il portavoce del governo francese, ha dichiarato di aver "richiamato il nostro ambasciatore per una consultazione, non è un richiamo permanente, ma era importante mandare un segnale".

"La Francia è stata oggetto di ripetute accuse senza fondamento da parte dei due vicepremier italiani, che ieri hanno espresso disponibilità a dialogare con il governo francese", ha detto Griveaux a Europe 1. Tuttavia, "il dialogo non si è mai interrotto", ma la Francia vuole una prova per fidarsi dell'Italia. Una di queste prove sarebbe la costruzione della Tav.

"Bisogna respingere populismo e sfiducia verso il progetto europeo e il modo migliore per farlo è comportarsi bene nei confronti dei propri partner e portare avanti il progetto tra Lione e Torino per consentire al Nord Italia di migliorare. Le frasette di Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Se vogliamo respingere la lebbra nazionalista, il populismo, la sfiducia verso l'Europa, il modo migliore per farlo è comportarsi bene nei confronti dei propri partner, portare avanti il progetto tra Lione e Torino per consentire al Nord Italia di migliorare", ha detto il portevoce francese.

Griveaux ha anche sottolineato che l'Italia è "un alleato storico" di Parigi e "uno dei paesi fondatori dell'Unione europea".

Correlati:

Il Mit consegna alla Francia l’analisi costi-benefici della Tav
Sulla Tav l’Ue incalza e Toninelli risponde: “Stia tranquilla”
Tav, Di Maio: Salvini? Sconsiglio di creare tensioni in governo
Tags:
gilet gialli, Crisi politica, Economia, TAV, Benjamin Griveaux, Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Italia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik