00:29 21 Febbraio 2019
Un pittore a Samarcanda

Dal 1° febbraio si va in Uzbekistan senza visto

CC BY-SA 2.0 / Dan Lundberg / Uzbekistan_0668 Samarkand
Italia
URL abbreviato
0 30

Dal 1° febbraio 2019 anche i turisti italiani possono visitare Samarcanda, Bukhara e le altre città storiche lungo la Via della Seta, recandosi in Uzbekistan senza visto.

Il decreto legge, approvato dal governo uzbeko per stimolare il turismo, si applica ai titolari di qualunque tipologia di passaporto indipendentemente dallo scopo di viaggio e prevede un regime senza visto per un soggiorno fino a 30 giorni a favore dei cittadini di 45 stati, tra cui c'è anche l'Italia.

Massimo Giglio all'aeroporto di Tashkent
Massimo Giglio all'aeroporto di Tashkent

E c'è già chi ha approfittato della nuova regola: all'1 di notte del 1 febbraio, con il volo Uzbekistan Airways Milano-Tashkent, è atterrato nella capitale della repubblica centrasiatica il primo turista italiano.

Come riportano i media locali, il fortunato viaggiatore si chiama Massimo Giglio ed all'arrivo all'aeroporto di Tashkent "Islam Karimov" è stato accolto dal direttore dello scalo e dall'amministratore delegato della compagnia di bandiera uzbeka, che lo hanno omaggiato di gadget e prodotti tipici.

A partire dalla fine di marzo, con l'entrata in vigore dell'orario estivo, aumenteranno i collegamenti aerei tra l'Italia e l'Uzbekistan, con 4 voli diretti da Roma e Milano verso Urgench (aeroporto vicino alla storica città di Khiva) e Tashkent, operati dalla compagnia di bandiera uzbeka Uzbekistan Airways in collaborazione con Alitalia.

Tags:
turismo, Uzbekistan, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik