05:51 20 Febbraio 2019
Vaticano

Athletica Vaticana, la fede corre alla Corsa di Miguel

© flickr.com/ Giampaolo Macorig
Italia
URL abbreviato
102

La prima squadra sportiva del Vaticano ha fatto il suo esordio in una manifestazione ufficiale.

Non poteva che avvenire di domenica e tra le strade di Roma l'esordio ufficiale dell'Athletica Vaticana, la prima squadra sportiva della Santa Sede: dieci atleti hanno tagliato il traguardo della 10km competitiva alla 20° edizione della "Corsa di Miguel".

Questa manifestazione sportiva diffonde i valori di tolleranza, integrazione, solidarietà, nella memoria di Miguel Benacio Sanchez, poeta e podista ucciso in Argentina nel 1978. Ieri a Roma insieme a Miguel hanno idealmente corso più di 6 mila podisti, tra gli agonisti partecipanti alla 10 km competitiva e gli appassionati che si sono cimentati nella 10 km non competitiva e nei 3 km della marcia "Straantirazzismo".

Per l'Ahtletica Vaticana, dal 1° gennaio ufficialmente affiliata alla Federazione Italiana di Atletica Leggera e riconosciuta dal CONI, questa è stata la gara d'esordio.

Dell' Athletica fanno parte una sessantina di appassionati della corsa, rappresentanti di diverse professioni del Vaticano. Il capitano è Michela Ciprietti, dipendente della Farmacia Vaticana, il più veloce è don Vincenzo Puccio, secondo classificato alla Maratona di Messina, ma del gruppo fa parte anche una suora francese, la domenicana Marie Theo e due giovani migranti ospitati dal centro di accoglienza di Castelnuovo di Porto, Jallow Buva, originario del Gambia e Ansou Cisse, senegalese.

Alla Corsa di Miguel il più veloce in canotteria gialla e bianca è stata la guardia svizzera Thierry Roch, che ha portato a termine i 10 km della gara competitiva in un tempo di tutto rispetto per un atleta non professionista: 35 minuti e 31 secondi, classificandosi 88°.

Il nuovo obiettivo dell'associazione, che grazie al riconoscimento della FIDAL e quindi del Comitato Olimpico Italiano possiede tutte le credenziali sportive per rappresentare lo stato di Città di Vaticano, è quello di allargare l'attivita al settore paralimpico ed in futuro provare a partecipare ai Giochi dei Piccoli paesi europei, la cui prossima edizione è in programma a giugno in Montenegro.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik