Widgets Magazine
00:24 23 Settembre 2019
Marocco

Sceglie espulsione, ma il paese d'origine ostacola il rientro

© AP Photo / Abdeljalil Bounhar
Italia
URL abbreviato
7112
Seguici su

Un marocchino rimane nel carcere di Rimini.

Per un trentenne marocchino le opzioni erano: essere espulso o rimanere nel carcere in Italia. L'uomo ha scelto di essere espulso dall'Italia, ma il suo Paese d'origine, continua a negargli il visto temporaneo, necessario per il rimpatrio dei cittadini senza documenti.

Il trentenne è condannato per furto, recluso nel carcere a Rimini, dopo un trasferimento da Ferrara, per scontare una pena definitiva inferiore ai due anni a seguito di una serie di furti. L'uomo sta attendendo una risposta dal consolato del Marocco a Bologna, al quale da tempo si è rivolto. Lo straniero racconta che ha scritto anche ai ministri dell'Interno, Matteo Salvini e della Giustizia, Alfredo Bonafede. Per il detenuto la Polizia penitenziaria di Rimini, in stretto contatto con gli uffici della Questura, sta cercando una soluzione per procedere all'espulsione, prima che a giugno venga rimesso in libertà come clandestino per fine pena.

Correlati:

Sea Watch, Conte valuta accoglienza di 15 migranti, non solo donne e bambini
Migranti: nessun porto aperto per Sea Watch in mare da 11 giorni
Migranti, uno studio rivela le percezioni errate degli italiani
Tags:
espulsione, Polizia, reato, migrazione, Matteo Salvini, Marocco, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik