07:07 18 Agosto 2018
L'inaugurazione della nuova Iconostasi

La chiesa russa a Como: ecco la nuova Iconostasi

© Foto : Padre Alexei Carpineanu
Italia
URL abbreviato
Marina Tantushyan
3100

In occasione della festa patronale la Chiesa Cristiana Ortodossa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo di Como, appartenente al Patriarcato di Mosca, ha inaugurato la nuova Iconostasi - la parete decorata da icone che separa, nella chiesa ortodossa, il naos dal presbiterio, cioè lo spazio dedicato ai fedeli da quello riservato alla liturgia.

L'esecuzione di questa ambiziosa opera completata in soli 7 mesi, a metà tra arte, liturgia e artigianato, viene eseguita da un artista-teologo Iulian Rosu specializzato negli affreschi che, avvalendosi della collaborazione ditta E.M. di Cantù, storico brand Made in Italy noto nel mondo del legno, realizza tutte le decorazioni che accompagnano il programma iconografico.

Per un maggiore approfondimento Sputnik Italia si è rivolto al Parroco Alexei Carpineanu.

— Padre Alexei, come nasce questo progetto?

— Il progetto di realizzare un'Iconostasi fatta come nella nostra tradizione russa, è stato nel momento quando il mio caro amico è arrivato in Chiesa a trovarmi insieme con Già Primo Reggente della Casa Pontificia, Prefetto di Papa — S.E. Paolo de Nicolo. C'era presente Direzione Generale A.T.S.Insubria. Guardando la Chiesa, mi hanno chiesto: Dov'è Iconostasi quella vera di tradizione Ortodossa? Rispondendogli ho spiegato che per poter realizzare un'Iconostasi servono dei permessi dalla Direzione Generale ATS Insubria e di un benefattore.

Il proprietario dell'Azienda TABU SPA di Cantù, Cav. Enrico Tagliabue che era presente, avendo anche Lui un fratello Sacerdote — Mons. Giacomo, ha invitato il Suo conoscente, artista teologo — Iulian Rosu, e hanno dato via ai lavori, per realizzare questa bella opera, collaborando con l'azienda E.M.di Cantù, gestita da un fratello di Cavaliere che si chiama Gianfranco Tagliabue. Hanno lavorato sodo realizzando questa bella opera in 7 mesi.

  • L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    © Foto : Padre Alexei Carpineanu
  • L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    © Foto : Padre Alexei Carpineanu
  • L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    © Foto : Padre Alexei Carpineanu
  • L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    L'inaugurazione della nuova Iconostasi
    © Foto : Padre Alexei Carpineanu
1 / 4
© Foto : Padre Alexei Carpineanu
L'inaugurazione della nuova Iconostasi

— So che avete fatto il tutto possibile per completare il progetto nei tempi brevi, le autorità locali vi hanno dato qualche appoggio per la realizzazione di questa iniziativa?

— Le autorità locali — parlando di Sindaco Dott.Mario Landriscina in persona e sua collaboratrice Assessore Simona Rossotti, ci hanno appoggiato e ci hanno dato i permessi per verniciare la Chiesa da parte esterna in breve tempo.

— Potrebbe descrivere la nuova Iconostasi?

— La nuova Iconostasi è realizzata da un artista teologo che conosce bene ed è specializzato nei affreschi e sa come disporre le icone in un ordine gerarchico. Dal basso si riconoscono profeti dell'Antico Testamento, a lato delle parti La Madre di Dio e Cristo Pantocrator, gli Apostoli Pietro e Paolo, i Santi russi, salendo, scene della vita di Gesù con al centro l'Ultima Cena. Nella parte alta dell'Iconostasi i 12 Apostoli e le icone di San Pietro, San Giovanni, San Paolo e San Luca, secondo tradizione il primo pittore di icone.

La nuova Iconostasi alla Chiesa Cristiana Ortodossa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo di Como
© Foto : Padre Alexei Carpineanu
La nuova Iconostasi alla Chiesa Cristiana Ortodossa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo di Como

— Qual è il suo valore artistico e quello religioso?

— L'Iconostasi per primo ha un grande valore religioso e un valore artistico inestimabile.

— Com'è stata accolta la nuova Iconostasi dai fedeli?

— La bella Iconostasi è stata accolta dai fedeli con un grande entusiasmo e gioia, alcuni con un pianto silenzioso. Pregando e ringraziando il Nostro Signore. Inoltre, la parrocchia dei st. Ap. Pietro e Paolo di Como rimane in attesa della visita di sua Eminenza Arcivescovo di Vienna e Budapest Antonio per celebrare e benedire la nuova Iconostasi.

— Lei è stato nominato il Parroco della chiesa St. Apostoli Pietro e Paolo nella città di Como nel 2013. Come è cambiato il suo gregge nel corso dei anni? Che ruolo svolge oggi la Chiesa Ortodossa di Como nell'ambito non solo religioso ma anche sociale?

— Essendo nominato come Parroco della Chiesa Ortodossa Santi Apostoli Pietro e Paolo nel 2013 ho fatto un percorso abbastanza impegnativo e con sacrificio per poter riuscire a radunare il gregge, a far conoscere la nostra Comunità a Como e dintorni. Abbiamo i fedeli che hanno saputo della nostra Chiesa e arrivano dai luoghi più distanti.  Per me è una grande gioia vedere i fedeli che arrivano in Chiesa esser accolti come una grande famiglia pregando e glorificando il Nostro Signore.

La Chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e la comunità che opera al suo interno — non svolgono solo una funzione di aiuto e assistenza per molte famiglie e badanti che risiedono nella provincia di Como, provenienti soprattutto dall'est europeo, ma costituiscono anche un punto di riferimento importante per i turisti di religione ortodossa che scelgono il lago di Como come luogo ideale per cerimonie e sposalizi, garantendo così un servizio qualificante per il nostro territorio.

— Secondo la stampa italiana, prossimo ottobre la Bielorussia, dove cattolici e ortodossi si confrontano e si sostengono vicendevolmente in modo molto più positivo che altrove, potrebbe essere il luogo di un possibile prossimo incontro tra Papa Francesco e Patriarca di Mosca Kirill. Pensa che sia una informazione affidabile? Potrebbe ipotizzare su quali argomenti si concentrerà la loro conversazione?

— La mia opinione sul prossimo incontro tra Patriarca Kirill e Papa Francesco, non posso dire con certezza se è una notizia affidabile o no, comunque vi posso dire con certezza che La Sua Santità Patriarca Kirill è una persona molto saggia ed è un grande teologo. Personalmente Lo ammiro, Lo stimo e Lo rispetto tanto. Qualsiasi decisione prenderà Lui, Lo seguirò. Amini.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
chiesa ortodossa, Russia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik