19:00 21 Ottobre 2018
Caviale rosso

Il nuovo Ambasciatore d’Italia: “Ho già provato la cucina russa”

© Fotolia / Belaya Katerina
Italia
URL abbreviato
Alessandro Naselli
5110

Il nuovo Ambasciatore d’Italia in Russia, Pasquale Terracciano, entrato in carica a 29 gennaio 2018, ha visitato lunedì pomeriggio gli stand dei prodotti italiani insieme al direttore dell’Agenzia ICE, Pier Paolo Celeste, nell’ambito della 25° Fiera internazionale del cibo, bevande e prodotti agroalimentari (PRODEXPO) che si tiene a Mosca.

Il nuovo Ambasciatore d’Italia in Russia Pasquale Terracciano e il direttore dell’Agenzia ICE, Pier Paolo Celeste
© Sputnik . Alessandro Naselli
Il nuovo Ambasciatore d’Italia in Russia Pasquale Terracciano e il direttore dell’Agenzia ICE, Pier Paolo Celeste
Rispondendo alle domande di giornalisti il diplomatico ha dichiarato che la produzione agroalimentare è parte fondamentale delle esportazioni italiane all'estero e che il Salone PRODEXPO è un'ottima occasione per far conoscere le eccellenze alimentari del nostro paese. Inoltre ha dichiarato che, anche se le sanzioni e il successivo embargo alimentare russo sono risultati in una battuta d'arresto per l'export agroalimentare italiano, "nel 2017 si è registrata una crescita delle esportazioni del 27% in Russia con un accento più sulla qualità che sulla quantità, garantita dalle nostre tradizioni ed esperienza"

Sempre parlando del settore agroalimentare l'Ambasciatore ha sottolineato che ci potrebbe essere maggiore collaborazione tra Russia e Italia e che vorrebbe ottenere maggiori risultati in questo ambito.

"È un settore sul quale voglio dedicarmi perché ci potrebbe essere maggiore collaborazione. Si potrebbe ottenere una maggiore quota di mercato per le eccellenze italiane. L'Italia possiede le migliori tecnologie per garantire la qualità e la freschezza dei prodotti alimentari e non solo. Dunque sulla base di questo vorrei manifestare il desiderio di poter ottenere una qualche tipo di esenzione per alcuni prodotti alimentari italiani colpiti dall'embargo, come ad esempio il Parmigiano".

Alla domanda dei giornalisti se ci sarà una continuità con i progetti portati avanti dal precedente ambasciatore italiano, l'Ambasciatore Terraccioni ha risposto di voler innanziutto mantenere progetti esistenti, e di volerne aggiungerne altri. Per quanto riguarda i progetti già esistenti l'ambasciatore ha dichiarato che verrà dedicata una particolare attenzione alla terza edizione della Settimana della Cucina Italiana, un evento che prevede degustazioni e masterclass per le maggiori città della Russia.

Il diplomatico ha infine confessato che ha già avuto modo di provare dei piatti tipici della cucina russa.

"Sì, ho già avuto occasione di provare la cucina russa. Le specialità che ho apprezzato di più sono state il caviale di luccio e il dolce al miele medovik".

Alla 25° Fiera internazionale del cibo, bevande e prodotti agroalimentari (PRODEXPO).
© Sputnik . Alessandro Naselli
Alla 25° Fiera internazionale del cibo, bevande e prodotti agroalimentari (PRODEXPO).

PRODEXPO è la più grande fiera specializzata annuale in Russia e dell'Europa orientale. Per più di 20 anni ha determinato lo sviluppo dell'industria alimentare nazionale. Nel corso degli anni la fiera PRODEXPO ha svolto un ruolo importante nello stimolare l'industria alimentare russa, nonché nel promuovere prodotti alimentari di alta qualità nazionali e stranieri sul mercato interno russo. Al PRODEXPO prendono parte ogni anno aziende provenienti da Italia, Francia, Spagna, Brasile, Cina, Grecia, Bulgaria, Armenia, Georgia, Turchia, Polonia, Sudafrica, Kazakistan e India.

Correlati:

Sanzioni, sale a 4 miliardi di $ il valore dei prodotti russi sostituti di quelli vietati
Tags:
Cibo, PRODEXPO, ICE, Pasquale Terracciano, Pier Paolo Celeste, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik