22:06 23 Settembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 8°C
    Estrazione di petrolio

    Der Spiegel: l'Italia acquista il petrolio dai terroristi

    © AP Photo/ Dmitry Lovetsky
    Italia
    URL abbreviato
    9212964

    I terroristi islamici percepiscondo una grossa fetta del loro reddito dalla vendita di petrolio in Europa, anche in Italia. Lo sostiene Hans-Jürgen Shlamp sulle pagine della rivista tedesca Der Spiegel.

    Nell'ambito del commercio di petrolio e dei suoi prodotti, "l'Italia ha un ruolo speciale: è un mercato nero fiorente", afferma l'autore. Ad esempio, i danni annui dovuti a perdite fiscali dovute alle forniture illegali in Italia dall'Europa orientale di benzina e gasolio sono stimati intorno a 4 miliardi di euro.

    Inoltre, sono illegalmente importati in Italia anche il petrolio e gli idrocarburi dalla Libia. Secondo gli ispettori delle Nazioni Unite, "il commercio fila liscio come l'olio": "i gruppi armati hanno sequestrato i giacimenti di petrolio. Successivamente trasportano il greggio in piccoli porti, da loro controllati, e lo spediscono per mezzo di navi da carico. Il trasporto avviene di notte. In prossimità di Malta le navi disattivano i dispositivi di localizzazione e attendono delle grandi navi cisterna, sulle quali trasferiscono il petrolio. Queste navi sono di solito registrate in Russia, Cipro o Panama. Il greggio arriva quindi in Sicilia e persino alle porte del nord Italia", dice l'articolo.

    Tutti i documenti necessari sono forniti dalla mafia italiana, spiega Shlamp. L'agenzia di stampa londinese Middle East Eye sostiene che esiste un patto tra "i militanti in Libia e i clan siciliani per il corretto svolgimento di tali operazioni".

    Secondo un modello simile, il greggio viene scambiato con lo Stato islamico. Una parte significativa del petrolio ottenuto nei territori sotto il controllo dei terroristi viene venduto ai vicini, tra cui gli anche avversari: i curdi o l'esercito del presidente Assad. Gli scambi in questo caso avvengono via terra, ma si tratta quasi sempre di carburante di scarsa qualità. Ma in Europa "i buoni soldi possono essere guadagnati solo sulle esportazioni di greggio o solo leggermente raffinato direttamente alle raffinerie", scrive l'autore.

    Nel corso di un'ispezione di routine in una raffineria in Sicilia le forze dell'ordine italiane hanno trovato petrolio e del gas provenienti non solo dalla Libia, ma anche dai territori controllati dall'ISIS in Siria e Iraq.

    I terroristi islamici ricevono un minimo di 20-25 dollari per barile. "Dato il fatto che, secondo varie stime, vendono quotidianamente 50 mila barili di petrolio, essi guadagnano circa un milione di euro al giorno", sostiene un rapporto delle forze dell'ordine italiane. Secondo altre stime, tra cui il Qatar Brookings Doha Centre, i volumi di greggio esportato illegalmente sono molto più alti, aggiunge Der Spiegel.

    Correlati:

    L’Austria schiera soldati al Brennero, Italia sempre più sola
    In tre per prendere la Sicilia. Un segnale per l’Italia
    Blogger italiano: “All’Italia serve uno statista come Putin”
    Tags:
    esportazione, terroristi, Illegale, Petrolio, Media, ISIS, Libia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik