19:30 23 Luglio 2018
Vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di soccorso all'Hotel Rigopiano

Comune di Farindola fa causa a Charlie Hebdo per vignetta irrisoria su tragedia Rigopiano

© REUTERS / Vigili del Fuoco
Italia
URL abbreviato
16290

Le autorità comunali di Farindola, in cui si trova l'hotel Rigopiano rimasto sepolto dalla neve mercoledì a seguito di un'enorme valanga, hanno intentato una causa contro il settimanale satirico francese Charlie Hebdo, che ha pubblicato una vignetta su questo tragico evento.

La vignetta mostra la morte in discesa dalla montagna con gli sci mentre tiene con le mani non i 2 classici bastoncini ma 2 asce. Il disegno è accompagnato dalla scritta. "Italia. E' arrivata la neve."

Il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta ha dichiarato sabato sera di aver già dato indicazioni per preparare un'azione legale contro la rivista francese e contro gli autori della vignetta. Si occuperanno della causa gli stessi avvocati che avevano già preparato la denuncia contro Charlie Hebdo su disposizione dell'amministrazione comunale di Amatrice, dopo che la rivista aveva pubblicato una vignetta di scherno in occasione del terremoto del 24 agosto della scorsa estate, a seguito del quale la città venne quasi completamente distrutta.

Le autorità delle due città italiane ritengono le vignette offensive e assolutamente fuori luogo.

Nel frattempo come riportato sabato dal numero uno della Protezione Civile italiana Fabrizio Curcio, i soccorritori sono riusciti a trovare i 11 sopravvissuti, 9 dei quali sono già stati liberati dalla prigione di neve.

Correlati:

Rigopiano: otto vivi ritrovati sotto le macerie
Terremoto, slavina travolge hotel a Farindola
Aereo russo, Charlie Hebdo pubblica vignetta su coro a bordo
Querela, Amatrice risponde a Charlie Hebdo
"Sisma all'italiana", la vignetta di Charlie Hebdo fa infuriare l'Italia
Je ne suis pas Charlie Hedbo
Maria Zakharova: “Qualcun altro è Charlie?”
Tags:
Satira, Giustizia, Charlie Hebdo, Abruzzo, Italia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik