11:55 17 Luglio 2018
INNOPROM è la più importante fiera russa dedicata all'innovazione

Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte.. con il drone

© Sputnik . Pavel Lisitsyn
Italia
URL abbreviato
Riccardo Pessarossi
0 20

Internet delle cose e know how italiano per permettere alla Russia di fare un ulteriore salto di qualità nell'industria. Lo ha detto nell'intervista a Sputnik Italia il presidente di Federmacchine Sandro Salmoiraghi. E' in queste sfide che secondo il presidente di Federmacchine va cercata la ragione della presenza dell'Italia ad INNOPROM 2016.

Sandro Salmoiraghi presidente di Federmacchine
Sandro Salmoiraghi presidente di Federmacchine
— Dott. Salmoiraghi, che cosa si aspetta dalla presenza italiana a INNOPROM 2016?

— Noi abbiamo già dei rapporti consolidati con la Russia e questa è un'occasione ulteriore per rafforzare questa collaborazione. Oggi in particolar modo perchè si parla degli sviluppi futuri dell'industria, di quella che viene chiamata la quarta rivoluzione industriale. L'Italia, non dimentichiamolo, è il secondo paese manifattureriero in Europa e il quinto al mondo. Le nostre aziende lavorano da alcuni anni sulla digitalizzazione della produzione e possiedono un know how invidiabile, le capacità le strutture per aiutare la Russia a fare un ulteriore salto tecnologico.

— L'Italia è paese ospite d'onore ad INNOPROM, come lo era stato anche al forum di San Pietroburgo, il tutto nonostante il perdurare delle sanzioni: da imprenditore, qual'è la sua posizione?

— Purtroppo tutto questo non facilita il nostro operato. E' già da un pò di tempo che come Confindustria stiamo facendo pressione sul governo perchè le cose cambino. Non ha più senso ora parlare di sanzioni, perchè questa situazione sta danneggiando in Europa soprattutto l'Italia. Putroppo però noi non siamo soli in Europa e l'Europa condiziona certe scelte, che bisogna subire anche se non si è convinti che portino a dei risultati. Non ci resta che aspettare la fine dell'anno e vedere che cosa penseranno i partner europei — che non sono così coinvolti come l'Italia. Intanto siamo qua e stiamo facendo, grazie all'ICE e al governo, un grande sforzo per promuovere l'industria italiana. Seminiamo e speriamo presto di raccogliere.

— Nella tavola rotonda a cui ha preso parte insieme al primo ministro della Federazione Russa Dmitry Medvedev si è parlato del legame tra industria e internet. Un tema affascinante che ci proietta nel futuro. Cosa significa tutto questo per un «profano»?

— Significa connessione delle cose tra loro e delle cose degli uomini. Il collegamento tra le macchine tra loro e tra le macchine e l'uomo si spiega con una metafora medica: le macchine vengono costantemente ascoltate mentre parlano con l'uomo e rivelano il loro stato di salute. I dati vengono analizzati da un sistema che fa la diagnosi e dà la cura in tempo reale. Tutto questo presuppone reti molti efficienti, perchè senza digitalizzazione a 360° il sistema non potrà funzionare. E' necessario che ci sia un'infrastruttura informatica forte, su cui si innesta l'ingegno umano per trovare nuove soluzioni e applicazioni. Ad esempio noi già da ora entriamo nei nostri stabilimenti in India e facciamo delle regolazioni via internet.

— Ok, ma come lo spiego a mia nonna?

— Le faccio un altro esempio. Si parla già di frigoriferi con dei sensori che in tempo reale rivelano quando è finito il latte, poi lo comunicano al supermercato che con un drone lo consegnerà a domicilio. Beh, il drone forse è fantascienza, ma la strada è questa. Internet nella profondità delle cose è un campo completamente aperto da sviluppare e credo che le nuove generazioni avranno di che divertirsi.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Ambasciatore della Russia in Italia: cooperazione in sviluppo nonostante sanzioni UE
Russia e Italia unite dal “Made with Italy”
In Russia creato supercomputer per controllo dei droni
In Russia creato un sistema per intercettare i droni
Tags:
Innovazione, industria, INNOPROM 2016, ICE, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik