02:28 20 Settembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 10°C
    ONU

    Italia sfida Olanda e Svezia per il seggio Onu

    © Photo: Flickr.com/Jim Bowen/cc-by
    Italia
    URL abbreviato
    122913

    Oggi la votazione finale al palazzo di Vetro per assegnare il posto non permanente in Consiglio di sicurezza.

    Importante votazione oggi al palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York, dove si deciderà il nome del Paese che siederà nel biennio 2017/18 al tavolo del Consiglio di sicurezza come membro non permanente. In corsa Italia, Svezia e Olanda. L'Italia, che manca dal Consiglio dal 2008, conta molto su questa votazione, dopo aver speso gli ultimi mesi a tessere la tela della diplomazia con numerose missioni e attività, che hanno visto in prima linea anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre ad esponenti del governo.

    Alle 16 ora italiana la prima votazione, con quorum fissato a 129 voti per ottenere la vittoria. L'Italia, che stando alle previsioni potrebbe avere la meglio su Svezia e Olanda già al primo scrutinio, conta di riscuotere in termini di voti il consenso ricevuto dall'Onu negli ultimi mesi.

    L'Italia, in prima fila nelle missioni di peacekeeping come riconosciuto mesi fa dallo stesso Ba Ki Moon, ha presentato la sua candidatura come unico candidato nel Mediterraneo.

    "Noi crediamo che il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale — si legge nella lettera di candidatura italiana — richieda che i diversi organismi delle Nazioni Unite affrontino i temi all'ordine del giorno, tra cui il cambiamento climatico, l'emergenza profughi e quella legata ai flussi di migranti, la distruzione del patrimonio culturale, il terrorismo internazionale".

    Attualmente i dieci seggi non permanenti in seno al Consiglio di sicurezza Onu sono occupati da rappresentanti di Angola, Egitto, Giappone, Malaysia, Nuova Zelanda, Senegal, Spagna, Ucraina, Uruguay, Venezuela. I cinque seggi permanenti sono appannaggio di Cina, Russia, Francia, Regno Unito e Stati Uniti. 

    Correlati:

    Onu, oltre 65 milioni di rifugiati nel 2015
    Nessuna rettifica, segretario ONU ignora proteste di Kiev
    Libia, Mogherini: Da Onu sostegno ad azione Ue nel Mediterraneo
    Onu, Russia: Il prossimo segretario generale dovrebbe provenire dall'Europa orientale
    Tags:
    ONU, Svezia, Paesi Bassi, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik