22:47 22 Novembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca-2°C
    Il ruolo di Sputnik e RT è quello di creare un dibattito all’interno dei Paesi occidentali, riguardo le vicende internazionali.

    Sputniknews e RT danno tanto fastidio?

    © Sputnik. Konstantin Chalabov
    Italia
    URL abbreviato
    Tatiana Santi
    101644282

    Come dovrebbe rispondere l’Europa al soft power russo e quali saranno i suoi effetti sulla stabilità e la sicurezza dell’Europa? Ad un convegno tenutosi a Roma il 9 giugno diversi esperti hanno cercato di rispondere a queste domande e coniare una strategia di risposta.

    La conferenza al Tempio di Adriano a Roma
    © Sputnik. Tatiana Santi
    La conferenza al Tempio di Adriano a Roma
    La conferenza ospitata dal suggestivo Tempio di Adriano a Roma organizzata dall'Istituto Gino Germani di Scienze e Studi Strategici e dall'Atlantic Council ha visto la partecipazione di analisti e giornalisti internazionali.

    Nel focus della conferenza i metodi non militari di influenza della Russia, in particolare il ruolo dei mass media nella "destabilizzazione e divisione" dell'Europa. Ebbene, secondo l'opinione della maggior parte dei relatori i media come Russia Today e Sputniknews avrebbero lo scopo di screditare l'Europa, gettare luce sulle sue debolezze e puntare sulla divisione nell'opinione pubblica.

    Da una parte i relatori intervenuti hanno valutato Sputniknews come un media "inefficiente", d'altra parte però praticamente l'intero convegno è stato dedicato proprio a questa piattaforma informatica. Forse, alla fin fine, così inefficiente poi non è…

    Secondo l'analista dell'Atlantic Council Alina Polyakova, il Cremlino avrebbe inoltre investito nel sostegno finanziario e ideologico dei leader politici di estrema destra europea. La paura quindi espressa dalla Polyakova è quella che a causa di queste "tattiche", il Cremlino eserciterà un'influenza sempre maggiore nella politica europea attraverso il network.

    La giornalista tedesca Gemma Porzgen si è soffermata nel suo intervento sui media russi e la loro influenza in Germania, sottolineando come Sputnik abbia una piccola audience fra il pubblico tedesco. Remy Bouallegue, consigliere presso il Ministero degli Affari Esteri francese ha descritto i metodi della propaganda russa, la quale mette l'accento sulla crisi in Europa, una propaganda che si nasconde dietro "lo scopo di dare ai lettori un punto di vista alternativo". Secondo Bouallegue l'Europa non deve rispondere con la stessa propaganda, a mo' di ping di pong, ma deve portare avanti i propri valori nazionali.

    Il giornalista russo Evgeny Utkin ha aperto il suo discorso dicendo che il soft power russo secondo i russi in realtà è Dostoevksij e Shostakovitc. Il pubblico ha accolto con allegria l'incipit del giornalista russo, che ha ribadito nel suo intervento che per i russi gli europei e gli americani non rappresentano assolutamente dei nemici. Inoltre Utkin ha parlato dell'immagine dei russi nel cinema americano, non del tutto positiva come sappiamo, e degli attacchi mediatici che subisce Mosca. Un esempio fra tutti, il caso dei Boeing malese abbattuto in Ucraina: immediatamente dopo la catastrofe i media occidentali principali hanno additato Mosca come il colpevole. 

    Per lunghi anni il cinema, la narrazione occidentale, principalmente americana, ha dipinto i russi come i super cattivi. Pensando al cinema russo, difficilmente si riesce a trovare un film dove gli americani siano raffigurati come dei mostri o dei cattivissimi da sconfiggere. La stampa occidentale non è da meno in questo senso.

    Il convegno sul soft power russo ha portato veramente a delle riflessioni curiose. Nonostante i toni critici nei confronti dei media russi, in primis Sputniknews e Russia Today, i relatori hanno fatto una grande pubblicità, senza volerlo, alle succitate piattaforme informatiche.

    La propaganda esiste ovunque, sarebbe stupido negarlo. La guerra fredda è finita invece, ne convenivano anche gli speaker del convegno. Forse è giunta l'ora di smetterla quindi anche con la retorica da guerra fredda. Come ha concluso il suo discorso Simon West del NATO Stratcom Centre of Excellence di Riga, l'importante è informarsi. Non ci sono parole migliori: informatevi gente! I lettori leggendo Sputniknews, il New York Times, Le Monde o Die Zeit potranno trarre le loro conclusioni da soli.

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    Russia, Volin: Rossiya Segodnya è un’agenzia di “tendenza” nel settore dei media
    Lettonia: tribunale rinvia la registrazione di “Rossiya Segodnya” nel paese
    Putin in visita a Sputnik
    Tags:
    propaganda, conferenza, NATO, Sputnik, Rossiya Segodnya, RT, Russia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik