13:55 24 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
1354
Seguici su

Mille anni di russofobia, da Carlo Magno a Petro Poroshenko. Un saggio del giornalista svizzero Guy Mettan esplora il fenomeno millenario della russofobia e le sue ripercussioni sul discorso politico e mediatico attuale.

Si terrà il 9 giugno alle 21, presso lo Spazio Sociale della Biblioteca Centrale di Milano la presentazione del libro "Russofobia. Mille anni di diffidenza", a cui interverranno il professor Paolo Calzini e l'editore Sandro Teti.

Il saggio del giornalista svizzero Guy Mettan ricostruisce le origini del fenomeno "russofobia" e ne segue l'evoluzione nell'attuale pensiero geopolitico.

 "Per quali ragioni in Occidente si sono sviluppati sentimenti ostili nei confronti della Russia? L'informazione è davvero obiettiva come crediamo?

Con i recenti accadimenti in Ucraina a seguito dell'Euromaidan e le conseguenti reazioni in ambito politico, diplomatico e di opinione pubblica negli USA e in Europa, il tema delle relazioni tra Russia e Occidente, con particolare attenzione alle categorie secondo cui l'Occidente guarda, pensa e racconta la Russia, è di estrema e scottante attualità. Guy Mettan, giornalista, politico e direttore del Club suisse de la presse, si propone di analizzare nelle sue coordinate storiche e geopolitiche, nella sua dimensione propagandistica e nelle sue conseguenze psicologiche e fattuali il fenomeno della russofobia, quella che l'autore non esita a chiamare «una guerra millenaria», condotta dagli Occidentali contro il loro «grande vicino» a colpi di cliché, rappresentazioni (spesso consciamente) distorte e persino mistificazioni della Russia e di tutto ciò che attorno ad essa gravita.

Accredito di Vittorio Rangeloni
© Foto del blogger Vittorio Rangeloni
Il saggio, pubblicato per la prima volta a Ginevra nel 2015, è articolato in tre parti, nelle quali l'autore affronta il "cosa", il "quando/dove" e il "come" del fenomeno in analisi, con il costante obiettivo di spiegarne il "perché". Nella prima parte delinea il profilo della russofobia, non complotto ma vera e propria predisposizione d'animo occidentale (a volte, paradossalmente, condivisa e alimentata dagli stessi Russi), mostrando con una puntuale critica delle fonti la messa in atto del discorso russofobo in occasione di quattro eventi di recente memoria: il disastro aereo di Überlingen (2002), il sequestro di Beslan (2004), la seconda guerra in Ossezia (2008), i Giochi olimpici di Sochi (2014); speciale attenzione, poi, è dedicata a riconsiderare la crisi Ucraina mettendo in questione la rappresentazione unilaterale e distorta che i media occidentali ne hanno fornito.

Nella seconda parte si segue l'evoluzione storica e ideologica del sentimento russofobo, individuandone le origini nella rivalità politica e religiosa che prende avvio sotto Carlo Magno, colui che contese a Bisanzio il ruolo di erede dell'Impero romano. L'ossessione imperialistica resta la costante di fondo delle successive declinazioni nazionali della russofobia: quella francese, che con l'allestimento del falso testamento di Pietro il Grande sotto Luigi XV inaugura il mito dell'espansionismo russo; quella inglese, meno "dottrinale" ma più capillarmente propagata, che rovescia nel XIX secolo il rapporto con la Russia dopo l'alleanza antinapoleonica; quella tedesca che, nata sotto il Secondo Reich nell'ambito della temperie culturale del nazionalismo romantico, troverà un fertile terreno nella teoria del Lebensraum; quella americana, sintesi delle precedenti, efficace risorsa per la retorica della tutela di libertà e democrazia volta a coprire e legittimare la penetrazione dei valori neocapitalistici.

La terza parte del libro, una sorta di manualetto della russofobia, mette a nudo le dinamiche della realizzazione e del funzionamento del discorso antirusso nei media e nel mondo accademico. Tale discorso si concretizza in racconto attraverso la costruzione del cattivo perfetto, Vladimir Putin, alla guida del nemico perfetto, il feroce orso russo che brama di divorare l'Europa: l'autore torna così sugli eventi recenti, e in particolare sulla crisi ucraina, per mostrare in azione tutto il potenziale del soft power occidentale.

L'indagine di Mettan non si pone l'obiettivo di trascinare al banco degli imputati l'Occidente per rovesciare, conservandola, la visione manichea della storia che la propaganda russofoba vorrebbe delineare; l'operazione mira piuttosto a concedere alla Russia — la cui parte di responsabilità nella drammatica degenerazione di questo bipolarismo non è taciuta — quella parola che le viene con una certa metodicità negata dal sistema di informazione occidentale, in un tentativo di ricostruire la complessità dei rapporti Russia-Occidente e smascherare i pregiudizi che ci impediscono di apprezzare i tanti aspetti positivi del nostro grande vicino.

Russofobia portami via
© Sputnik
Russofobia portami via

Allo stesso modo, per quanto i giornalisti siano i principali responsabili, o meglio, i "finalizzatori" del discorso russofobo elaborato dagli establishment e dalle lobby occidentali, il libro non vuole essere nemmeno una condanna tout court dei media (la cui libertà di azione non è mai peraltro un dato scontato); ciò che si auspica, a più riprese, è piuttosto un recupero della deontologia giornalistica. L'onestà intellettuale, la capacità (e la volontà) di informarsi cercando e interpellando fonti di opposto schieramento, soprattutto il senso critico, quell'esigenza di porre e porsi continuamente domande, anche e soprattutto quelle più scomode e che meno convengono agli schemi precostituiti: questo è ciò che Mettan — procedendo lui stesso con stile giornalistico e guarnendo con voluta insistenza e abbondanza le sue pagine di punti interrogativi — vuole risvegliare nella coscienza non solo dei giornalisti, ma di tutti coloro che, quotidianamente, sono esposti al bombardamento della russofobia e ne diventano quasi inconsciamente vittime, se non addirittura attori stessi.

Nella consapevolezza che sono i rapporti di forza a regolare le relazioni internazionali, Mettan insiste tuttavia sul potere che le domande, le giuste domande, possono esercitare sull'opinione pubblica, tanto cara ai governanti. Sensibilizzare la gente a chiedersi se le responsabilità non siano condivise, se il proprio punto di vista unilaterale sia l'unico che conti, se i propri interessi e sistemi di valori siano davvero superiori, è il solo modo per incamminarsi verso un futuro dove finalmente non ci si dichiarerà più contro l'Altro, bensì con lui.

 

 

Correlati:

Quando la russofobia si tinge di pop
Mosca sicura, russofobia serve a NATO per ottenere da alleati aumento spese militari
Russofobia in Repubblica Ceca: coro russo dell'Armata Rossa diventa “esercito nemico”
Tags:
russofobia, Europa, Russia, Mosca, Milano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook