09:36 24 Ottobre 2017
Roma+ 9°C
Mosca-1°C
    Bandiere dell'UE e della Russia.

    Russia, Librandi: Italia sia protagonista per stop sanzioni e nuovo dialogo con Ue

    © Sputnik. Vladimir Sergeev
    Italia
    URL abbreviato
    5594132

    E’ quanto chiede al governo Gianfranco Librandi, deputato iscritto al gruppo di Scelta Civica, in una interrogazione parlamentare rivolta al premier Matteo Renzi e al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

    "Negli ultimi due anni il governo Renzi ha dato prova di una rinnovata ed efficace capacità di leadership europea, affrontando da protagonista le principali sfide all'ordine del giorno della UE. Ora è il momento che l'Italia sia protagonista della normalizzazione dei rapporti tra Europa e Russia, con il superamento di quel regime sanzionatorio i cui costi economici e sociali hanno purtroppo depotenziato la capacità di ripresa e di sviluppo dell'economia italiana negli ultimi due anni". 

    "Per l'Italia — prosegue l'interrogazione — si sono persi circa 3,6 miliardi di euro di export annuale verso la Russia, in prevalenza nel settore manifatturiero e agroalimentare, ma anche in quelli della difesa, dell'energia e della finanza".

    "Le sanzioni — sostiene ancora Librandi — "hanno mostrato all'opinione pubblica internazionale quanto i valori di democrazia, pace, libertà e rispetto assoluto dei diritti umani siano per noi europei un pilastro irrinunciabile ed una prospettiva a cui la stessa Russia deve tendere", ma oggi "la Russia è determinante per garantire la sicurezza internazionale in un quadro euro-asiatico particolarmente instabile e attraversato dai grandi rischi del terrorismo di matrice islamista".    

    Correlati:

    L'Italia che aggira le sanzioni produce in Crimea e vende in Russia
    Scenario post-sanzioni: quale futuro per Russia ed Italia?
    Tags:
    sanzioni antirusse, Sanzioni, Sanzioni contro la Russia, Sanzioni alla Russia, Paolo Gentiloni, il ministro degli Esteri, Matteo Renzi, Gianfranco Librandi, Russia, Italia, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik