06:02 19 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 21
Seguici su

La Farnesina ha confermato che negli attacchi all'aeroporto ed alla metropolitana sarebbero stati coinvolti anche alcuni connazionali. Intanto in una nota diramata dal Quirinale, il presidente Mattarella esprime il suo cordoglio per le vittime e la ferma condanna per gli atti di violenza. “In gioco ci sono la libertà e il futuro della convivenza”.

"Non abbiamo notizia di nessun ferito grave italiano", ha detto pochi minuti fa in conferenza stampa l'ambasciatore italiano a Bruxelles, Vincenzo Grassi confermando quanto riportato dal ministero degli Esteri che ha parlato di alcuni italiani tra i feriti negli attacchi di Bruxelles.

Si escludono invece, con la legittima cautela del caso, vittime tra i connazionali come dichiarato nelle scorse ore dal ministro Gentiloni. Ricordiamo che il bilancio provvisorio è di 34 persone morte: 20 rimaste uccise nella strage della metropolitana, 14 all'aeroporto. Mentre al momento si contano 136 feriti nella capitale belga.

Su questa nuova strage terroristica si è espresso anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

"L'obiettivo del terrorismo fondamentalista è la cultura di libertà e democrazia", le prime parole del capo di Stato italiano che ha espresso cordoglio per le vittime e "la più decisa condanna per gli esecrabili atti di violenza".

Nella nota diramata dal Quirinale si ribadisce che la risposta alla minaccia terroristica deve avere delle risposte condivise da tutti i paesi dell'Unione Europea.

"Occorre affrontare questa sfida decisvia con una comune strategia — spiega Mattarella —. Che consideri la questione in tutti i suoi aspetti: di sicurezza, militare, culturale, di cooperazine allo sviluppo. In gioco ci sono la libertà e il futuro della convivenza".

Correlati:

Bruxelles: un segnale per tutta l’Europa
Bruxelles, ci sono italiani tra i feriti
Bruxelles: sospettati tre cittadini bielorussi
Tags:
Attentati terroristici a Bruxelles, Sergio Mattarella
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook