03:05 25 Febbraio 2018
Roma+ 7°C
Mosca-16°C
    L'Altare della Patria a Roma

    Rientrati in Italia i due ostaggi italiani liberati in Libia

    © Fotolia/ fabiomax
    Italia
    URL abbreviato
    0 10

    Gino Pollicardo e Filippo Calcagno sono arrivati ieri mattina a Roma, poi la lunga conversazione con i magistrati che indagano sulla vicenda del loro rapimento.

    Ci siamo liberati da soli. Con questa spiazzante dichiarazione, i due italiani presi in ostaggio lo scorso luglio con due colleghi nei pressi di Mellitah, in Libia, hanno cominciato la loro conversazione con i magistrati italiani che indagano sul loro rapimento.

    Lo scorso 4 marzo la notizia della liberazione di Gino Pollicardo e Filippo Calcagno che, differentemente da Fausto Piano e Salvatore Failla usati come scudi umani dai loro rapitori e rimasti uccisi durante uno scontro a fuoco, sono riusciti a mettersi in salvo e si trovano da ieri in Italia.

    I due italiani, atterrati all'aeroporto romano di Ciampino alle 5 di ieri mattina, hanno parlato tutta la giornata di domenica con gli inquirenti, riferendo di violenze fisiche e psicologiche, calci, pugni e privazioni, durate per gli oltre sette mesi di prigionia.

    I due tecnici italiani, finiti dopo essere scappati dai rapitori nelle mani del Consiglio militare di Sabrata, sono stati rimpatriati dopo una trattativa tra il governo ribelle di Tripoli e le milizie locali. Nel corso delle ultime ore di confronto tra le parti, la stampa italiana riferisce della presenza di funzionari italiani, a conferma dell'incertezza della trattativa. 

    Correlati:

    Liberati gli altri due italiani rapiti in Libia
    Tags:
    Rapimento di italiani in Libia, Libia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik