05:51 14 Dicembre 2018
Consiglio di sicurezza dell'ONU

Mattarella: Fiducioso su seggio italiano al Consiglio di Sicurezza

© AP Photo / Seth Wenig
Italia
URL abbreviato
420

Il presidente della Repubblica italiana conclude il suo viaggio negli Stati Uniti incontrando Ban Ki Moon: no a campagna elettorale ma l'Italia ci tiene moltissimo.

Diplomazia italiana al lavoro da mesi per sostenere la candidatura italiana per uno dei seggi non permanenti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Approfittando della visita ufficiale negli Stati Uniti, anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella non ha mancato di offrire il suo sostegno anche se, come sottolineato a più riprese dallo stesso capo dello Stato italiano, il suo incontro di ieri all'ONU non era stato programmato "per fare campagna elettorale".

"Sono fiducioso, l'Italia ci tiene moltissimo".

Così Mattarella alla stampa al seguito della delegazione italiana che, dopo Obama e Biden, ha incontrato ieri al Palazzo di Vetro Ban Ki Moon. Il presidente ha puntato sul ruolo strategico dell'Italia nella crisi migratoria, non mancando di lanciare segnali ad un'Europa con la quale il dialogo sembra essersi da mesi inceppato.

"Noi come altri — ha detto Mattarella — abbiamo attuato austerità e rigore. Ora — ha esortato — serve nell'Unione europea una politica di maggiore spinta per la crescita".

L'Italia è in questo momento in corsa per uno dei posti non permanenti nel Consiglio di Sicurezza, un seggio della durata biennale già occupato in altre sei occasioni in passato. In ballottaggio con l'Italia ci sono Svezia e Olanda ed il tetto di voti dell'Assemblea da raggiungere per ottenere il seggio non permanente sono 128.

Correlati:

Putin ha discusso con Consiglio di Sicurezza peggioramento situazione in Moldavia
Cremlino: Incontro Putin e Consiglio di sicurezza russo, al centro sicurezza nei voli
Onu, dal 2016 Ucraina membro non permanente del Consiglio di sicurezza
Tags:
Consiglio di Sicurezza ONU, Sergio Mattarella, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik