09:36 30 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

La vittoria dell'ex ad di Expo 2015 Giuseppe Sala nella corsa per la poltrona di sindaco di Milano per il partito Democratico è presente su molti quotidiani italiani in questo inizio settimana. Ampio spazio anche agli sviluppi sul caso Regeni.

"Sala supera il test delle primarie" è il titolo di apertura del Corriere della Sera: "Ora — afferma il vincitore delle primarie democratiche per Milano — ritrovare lo spirito di Expo". In taglio alto "il Papa e i muri che cadranno uno dopo l'altro", con l'intervento di ieri del Pontefice a Santa Marta, a proposito del prossimo incontro a Cuba con il Patriarca della chiesa ortodossa.

Politica interna su a Stampa con "Cinquestelle, il diktat di Casaleggio". L'ideologo del M5S, si legge nell'occhiello, stila un contratto con i candidati alla poltrona di sindaco a Roma: "multa da 150mila euro per chi trasgredisce".

"Non accettiamo verità di comodo sulla fine di Giulio" è invece il titolo de la Repubblica, che porta in primo piano la presa di posizione della Farnesina e del governo italiano sulla misteriosa morte del giovane ricercatore, trovato senza vita al Cairo: "torturato perchè lo credevano una spia". Di spalla le primarie PD milanesi, con "Sala vince le primarie con il 42%. Pisapia: adesso sosteniamolo tutti".

La scelta del candidato per le prossime elezioni comunali milanesi in primo piano su molti altri quotidiani, da il Messaggero che titola "Sala vince il test di Milano" a l'Unità, che sceglie "Le primarie di tutti, la vittoria di Sala". Polemico sullo stesso tema Libero, quotidiano di area centrodestra, che attacca: "Il sindaco di Milano lo scelgono i cinesi". Poi nel sommario: "Sala ce la fa con un distacco modesto grazie al voto di immigrati che non lo conoscono".

Correlati:

Morte Giulio Regeni, investigatori italiani al Cairo
Tags:
Elezioni primarie, Elezioni, M5S, Giuseppe Sala, Italia, Milano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook