11:32 20 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 23°C
    giornali

    Le prime pagine italiane del 2 febbraio

    © Fotolia/ Pio Si
    Italia
    URL abbreviato
    0 119 0 0

    E' ancora lo scontro tra Italia ed Europa ad aprire le prime pagine dei principali quotidiani italiani, dopo la decisione annunciata da Juncker di tenere gli stanziamenti per la Turchia fuori dal deficit e la risposta piccata del premier Renzi da Abuja.

    "Conti e migranti, Renzi sfida l'UE". E' questa la scelta de La Stampa, che nel catenaccio rende noti gli sviluppi, sul fronte interno, dell'iter parlamentare della discussa legge sulle unioni civili: "dubbi di costituzionalità per le adozioni". A centro pagina "emergenza planetaria per il virus Zika".

    "Europa, Renzi attacca ancora" è il titolo del Corriere della Sera, che da spazio all'affondo del premier italiano: "Basta coi burocrati, noi salviamo vite".

    Titolo speculare per la Repubblica, che apre con "Renzi sfida la UE: Noi salviamo vite, voi pensate ai conti", mentre è dedicato all'attualità internazionale il secondo titolo di primo piano, con la storica giornata per la Birmania: "La svolta e la gioia, è l'era di San Su Kyi".

    La legge sulle unioni civili in Italia, attesa oggi dal voto del Senato, è oggetto di dibattito sui principali quotidiani, che in molti casi dedicano il titolo principale all'argomento. E' il caso de il Manifesto, che con "Senz segreto" rilancia sulla necessità che un dibattito così delicato veda gli schieramenti politici esprimersi alla luce del sole.

    Prosegue invece la campagna stampa de il Fatto Quotidiano contro le inefficienze del sistema giudiziario italiano. "Spacciatori alla luce del sole. Vietato arrestarli per legge" è il titolo di un'inchiesta sui reati predatori ed il cosiddetto piccolo spaccio. Agenti di polizia e giudici ammettono "due giorni e sono di nuovo liberi".

    Correlati:

    Renzi in Africa, tra cooperazione e lotta al terrorismo
    Ucraina può accordarsi con la Turchia sulla cooperazione militare
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik