01:42 17 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 14°C
    giornali nel chiosco

    Le prime pagine italiane del 28 gennaio

    © Jeroen Bosman
    Italia
    URL abbreviato
    0 5301

    Diversi gli argomenti presenti sulle aperture dei quotidiani italiani in edicola oggi, ma a tenere banco è la vicenda tutta italiana della Banca Etruria e dei presunti conflitti di interessi per alcuni esponenti del governo Renzi, che ieri si è difeso nell'aula del Senato.

    "Renzi attacca, no alla sfiducia" è il titolo del Corriere della Sera a proposito della seduta di ieri a palazzo Madama, con il premier impegnato in una strenua difesa del suo ministro per le Riforme: "nessun conflitto di interessi". Di spalla il ministro della Difesa Pinotti: "Libia, intervenire entro primavera. Ma non da soli".

    Su la Repubblica la notizia di apertura è dedicata a Google, con "il Fisco va all'attacco: Paghi 300 milioni", nell'ambito di una vicenda analoga a quella che ha portato poche settimane fa Apple a chiudere un analogo accordo transattivo con le casse dell'erario italiano. A centro pagina l'addio della ministra della Giustizia francese Toubira, che lascia in polemica con le scelte del governo Valls; "Il tweet d'addio della ministra: La Francia taglia le libertà".

    "Iran, azienda italiana viola sanzioni" è il titolo su La Stampa, che richiama la protesta di Washington per la presunta violazione per la vendita di 20 treni ATR all'Iran. "La società smentisce — si legge nell'occhiello — solo trattative".

    La sfiducia al governo, respinta dall'aula di palazzo Madama, è tema di apertura su molti altri quotidiani, come il Messaggero, che titola "Renzi supera l'ostacolo banche"; più polemico il Fatto Quotidiano, che attacca: "Renzi non risponde su Etruria e grida al complotto del Fatto". Duro Libero, che a proposito di Renzi gioca con le parole e titola "L'imboscato", mentre i due storici quotidiani della sinistra scelgono il tema delle statue "nascoste" alla vista del presidente iraniano ai musei capitolini: titolo identico per l'Unità e Il Manifesto: "Le belle statuine".

    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik