06:10 23 Ottobre 2017
Roma+ 14°C
Mosca0°C
    giornali

    Le prime pagine italiane del 20 gennaio

    © Fotolia/ Pio Si
    Italia
    URL abbreviato
    0 80 0 0

    Lo scontro tra il governo Renzi e le istituzioni europee domina in questa fredda giornata invernale le prime pagine dei principali quotidiani italiani.

    La geopolitica anche oggi lascia ampio spazio ai problemi interni con l'Ue. La Repubblica apre con un titolo allarmistico: "Il Ppe: "Renzi mette a rischio l'Ue". Banche sotto tiro, nuovo crollo Mps". Mentre l'Italia porta a casa la modifica del Trattato di Lisbona sul diritto d'asilo, secondo il Financial Times, Roma cambia il proprio ambasciatore a Bruxelles. Carlo Calenda, viceministro dello Sviluppo Econimico, sostituirà l'ambasciatore Stefano Sannino, che dovrebbe andare a Madrid. Ed è ancora scontro.

    La foto notizia del giorno è dedicata all'addio di Ettore Scola, uno dei maestri del cinema italiano, morto a 84 anni.

    Anche il quotidiano di Via Solferino dedica la prima pagina all'Europa "Roma — Bruxelles, nuove scintille e prove d'intesa", ricordando il veto di Matteo Renzi ai "tre miliardi promessi alla Turchia per frenare il maxi-esodo di migranti". Per il Corsera la foto — notizia centrale è tutta per Libia. "Formato il governo. Parla il mediatore Onu". Paolo Valentino, in editoriale parla di "corridoi umanitari per la Libia".

    Il quotidiano torinese La Stampa segna "un punto per Renzi" sui migranti, ma avverte sull'"irritazione di Draghi verso il premier: troppe operazioni finanziate in deficit per l'Italia". Tonia Mastrobuoni, nel suo editoriale in prima pagina, titola: Disavanzo e fisco: gelo della Bce sulla manovra". Foto — notizia anche La Stampa dedicata a Ettore Scola, "ultimo maestro del cinema di Fellini, Steno, Scarpelli".

    Nella polemica europea, Il Sole 24 ore difende il premier Matteo Renzi. "La polemica tra il presidente della Commissione Europea Juncker e il presidente del Consiglio Renzi va valutata considerando che l'eurodogmatismo non batterà l'euroscetticismo e l'eurodisfattismo causati da sei anni di crisi", scrive Alberto Quadrio Curzo. E comunque, nella "copertura dei crediti deteriorati, Italia meglio della media europea", titola il foglio economico.

    Correlati:

    Italia-UE, una crisi dentro una crisi più grande
    ”Tra dieci anni l'Italia non esisterà più, totalmente distrutta dall'euro e dalla UE"
    Crisi, Italia fanalino di coda tra i big UE
    Tags:
    Jean-Claude Juncker, Matteo Renzi, Bruxelles, Libia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik