05:10 21 Maggio 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 6°C
    Italian Premier Matteo Renzi

    Riforme, Renzi: Se perdo il referendum, lascio la politica

    © AP Photo /
    Italia
    URL abbreviato
    971

    Il premier italiano accende il dibattito sul referendum costituzionale previsto in autunno: sulle riforme mi assumo precise responsabilità.

    Si accende il dibattito sulle riforme costituzionali in Italia dopo l'approvazione di lunedì pomeriggio alla Camera del disegno di legge Boschi. Martedì 19 gennaio il testo sarà al Senato, dove si procederà alla terza lettura. Intervistato dalla web TV del quotidiano la Repubblica, il presidente del Consiglio ha ribadito quanto già affermato lo scorso 29 dicembre nel corso del tradizionale incontro di fine anno con i giornalisti: se le riforme non dovessero ricevere l'ok dal voto popolare è pronto a lasciare.

    "Se perdo il referendum sulle riforme costituzionali smetto di fare politica".

    Così Renzi ha risposto a Claudio Tito, firma politica del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari. Il premier italiano, che ha fissato l'avvio della campagna referendaria ad aprile, dopo il secondo passaggio in Camera e Senato del disegno di legge, ha poi chiarito le ragione della sua "scommessa".

    "Insisto su questa questione — ha detto il presidente del Consiglio italiano — non perchè voglio trasformare il referendum in plebiscito, come ha detto qualcuno. Ma perchè intendo assumermi precise responsabilità". 

    Correlati:

    Renzi: 2015 meglio del previsto
    Renzi contro Merkel: Non dite che donate il sangue all'Europa
    Ue, Renzi: No a Europa solo tedesca
    Tags:
    ddl Boschi, Consiglio di Ministri, Senato, Claudio Tito, Matteo Renzi, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik