04:11 23 Settembre 2018
Matteo Renzi, il primo ministro italiano

Renzi a Cuba, l'incontro con Raul Castro

© flickr.com / Palazzo Chigi
Italia
URL abbreviato
0 0 0

Cinque mesi dopo la visita di Raul Castro a Roma, il premier italiano ricevuto a l'Avana in chiusura della missione di sistema che lo ha visto impegnato in un tour dell'America Latina con 90 imprese italiane.

"Ci sono momenti in cui la storia fa gli straordinari e l'Italia ci vuole essere".

Così Matteo Renzi, ricevuto ieri dal presidente Raul Castro a l'Avana, sulla prima visita ufficiale di un primo ministro italiano a Cuba.

A conclusione della missione di sistema che ha visto questa settimana una delegazione del governo, accompagnata da 90 imprese italiane, in visita ufficiale in Cile, Perù e Colombia.

Matteo Renzi conferma l'intenzione di procedere con il suo piano di riduzione fiscale in Italia
© REUTERS / Francois Lenoir

Al termine dell'incontro con Castro, Renzi ha poi cenato all'ambasciata italiana della capitale cubana, prima di ripartire per l'Italia. Nel corso della serata il premier ha parlato agli imprenditori e diplomatici presenti, descrivendo le ragioni della sua presenza a Cuba come segnale della volontà di rafforzare i legami con il Paese caraibico, oltre che naturalmente per instaurare rapporti industriali e commerciali con l'Avana, nell'epoca della sua apertura e del disgelo.

E proprio sul piano operativo degli investimenti italiani a Cuba, il premier ha parlato di una partnership sulle energie rinnovabili, con Enel pronta a ricoprire un ruolo di primo piano. La Sace, ente italiano in mano al Tesoro che si occupa dell'export credit, ha stimato nei prossimi 4 anni investimenti pai a 220 milioni di euro, elevando da 10 a 100 il plafond del credito per le operazioni di export verso Cuba. 

Correlati:

Renzi in Perù: Italia è tornata, le cose cambiano
Dal Cile a Cuba, Renzi e le imprese italiane in Sudamerica
Migranti, Renzi: Parole Tusk non rispettose degli italiani
Tags:
Visita, Matteo Renzi, America Latina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik